Professioni sanitarie a Foggia, candidati anche da Senegal e Burkina Faso. Conclusi i test di ammissione alla Città del Cinema

Il più giovane un diciottenne, la più adulta una donna 51enne. Il dg UniFg: “Un’altra prova di grande maturità del personale”

Si sono concluse alle 12,40 – come da programma – le prove selettive per l’ammissione ai corsi di laurea a numero programmato per le Professioni sanitarie (ovvero Fisioterapia; Infermieristica; Dietistica; Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia; Tecniche di laboratorio biomedico), svoltesi questa mattina come di consueto al multisala Città del Cinema di Foggia.

Su 1111 domande di partecipazione pervenute, sono stati 1081 i candidati che si sono effettivamente presentati: tra loro il più giovane è risultato un ragazzo di 18 anni e la più adulta una donna di 51. Certamente la Puglia la regione maggiormente rappresentata nella mappa della provenienza dei candidati, che tuttavia anche quest’anno ha riservato autentiche sorprese: sia per l’Italia (alcuni concorrenti sono arrivati dalla Sicilia) che per i Paesi esteri (con candidati provenienti anche da Senegal e Burkina Faso).

Dopo il regolare svolgimento delle operazioni di identificazione, alle 11,00 l’inizio dei test per l’ammissione ai 367 posti disponibili: Fisioterapia (30+3 riservati ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Infermieristica, sede di Foggia (99+1 riservato ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Infermieristica, sede di Barletta (74+1 riservato ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Infermieristica, sede di Matera (40+1 riservato ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Infermieristica, sede di Lagonegro (25+1 riservato ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Infermieristica, sede di San Giovanni Rotondo (29+1 riservato ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Dietistica (13+2 riservati ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia, sede di Barletta (12+2 riservati ai cittadini non comunitari residenti all’estero); Tecniche di laboratorio biomedico (31+2 riservati ai cittadini non comunitari residenti all’estero).

“Un’altra prova di maturità del personale Docente e Tecnico-Amministrativo – ha commentato il direttore generale dell’Università di Foggia, Teresa Romei –, che ringrazio per l’impegno, l’abnegazione e la disponibilità. Insieme al Rettore, Maurizio Ricci, intendo ringraziare tutti quelli che hanno reso possibi- le l’allestimento e l’organizzazione di questa giornata, trascorsa senza intoppi e senza problemi. A tutti i candidati che hanno sostenuto i test di oggi e dei giorni scorsi, e che per sottoporsi alle prove hanno dovuto fare an- che notevoli sacrifici, non può che andare il nostro più sincero in bocca al lupo”. Undici le sale della Città del Cinema occupate, circa 100 le unità di personale Tecnico-Amministrativo che sono state coinvolte.



In questo articolo: