Due cerignolani arrestati per rapina a mano armata. Per entrambi si aprono le porte del carcere di Foggia

Doppia operazione degli agenti della Polizia di Stato. I malviventi in azione in trasferta

Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Cerignola, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione hanno tratto in arresto Vincenzo Petronelli, classe 1974 cerignolano. 

Il provvedimento è stato emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Pisa, in quanto l’uomo è stato riconosciuto colpevole dei reati di rapina in concorso, ricettazione e detenzione illegale di armi, reati commessi nel 2016 a Calcinaia (Pisa).  

Il 45enne dovendo espiare la pena di residua di 4 anni, 1 mese e 21 giorni di reclusione è stato associato presso la locale Casa Circondariale di Foggia. 

Inoltre, gli stessi agenti, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione hanno tratto in arresto Giovanni Cianci, classe 1954, già sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora. 

Il provvedimento è stato emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Pisa, in quanto l’uomo è stato riconosciuto colpevole dei reati di rapina in concorso ricettazione e detenzione illegale di armi, reati commessi nel 2016 sempre a Calcinaia in provincia di Pisa.

L’uomo, dovendo espiare la pena di residua di 3 anni, 1 mese e 28 giorni di reclusione è stato condotto presso la locale Casa Circondariale di Foggia. Nel gennaio 2016 entrambi i cerignolani furono arrestati in flagranza dalla Polizia di Stato per la rapina a mano armata ai danni di un supermercato di Calcinaia. 

(foto di archivio)



In questo articolo: