Rifiuti e sporcizia, i volontari foggiani della Trash Challenge ripuliscono l’anfiteatro di via Furore

“La maggior parte del materiale rinvenuto era il probabile risultato di baldorie giovanili (e non), di consumazioni alimentari (pizza e numerose bottiglie e lattine di birra)”

Le mani dei volontari della Trash Challenge si sono prese cura di un luogo di ritrovo alla periferia di Foggia colmo di rifiuti di ogni genere: l’anfiteatro di via Furore.
“La maggior parte del materiale rinvenuto era il probabile risultato di baldorie giovanili (e non), di consumazioni alimentari (pizza e numerose bottiglie e lattine di birra) e molto altro ancora – spiegano i volontari -. La vegetazione altissima e fitta nascondeva in parte la grossa quantità d’immondizia tra i gradoni della struttura e il manto erboso circostante.

I rifiuti si concentravano nell’anfiteatro e sulla strada: abbiamo ripulito anche l’angolo tra via Almirante e via Berlinguer, ma il lavoro da fare in quella zona è tanto (materiale edilizio, anche nuovo, viene gettato senza esiti e nella totale libertà). Questa volta è stato possibile solo in parte ‘differenziare’ i rifiuti, a causa del loro eccessivo degrado fisico e nei giorni a venire, chi di dovere provvederà a portar via da quel luogo i bustoni dell’indifferenziata e i rifiuti speciali da noi rinvenuti e accatastati dinanzi all’entrata della struttura – hanno precisato -. La Trash Challange è di tutti! Ognuno può prender l’iniziativa: armarsi di coraggio e guanti e iniziare a pulire. Il tutto non è sempre agevole e ha un costo. Gli strumenti a disposizione sono pochi e autofinanziati (rastrelli, scope, guanti, buste). Supportando la causa con una piccola donazione, potrete aiutarci a raggiungere questi obiettivi!”, scrivono sulla pagina Facebook.