La discarica di Bonassisa finisce in Senato. “Nostra salute a rischio a causa di pseudo imprenditori senza scrupoli”

Duro intervento della parlamentare pentastellata, Gisella Naturale. Appello a tutte le istituzioni. La vicenda di Deliceto denunciata nell’aula di Palazzo Madama

È sbarcata in Senato la discarica di Bonassisa a Deliceto. Dopo i servizi di Striscia la Notizia, la parlamentare pentastellata, Gisella Naturale ha rivolto un appello a tutte le istituzioni e ha denunciato la questione nell’aula di Palazzo Madama.

“L’orrore che circonda il mondo dei rifiuti non conosce limiti per colpa di pseudo imprenditori senza scrupoli che agiscono anche a scapito della salute pubblica. A Deliceto, si apprende attraverso filmati e testimonianze, dalla discarica veniva prelevato il percolato e scaricato nel fiume (il Nuovo Carapellotto che si immette nel fiume Carapelle, ndr) che attraversa il parco regionale Incoronata. Acqua utilizzata da coltivatori ignari. È riscontrata anche la totale assenza di controlli nei pozzetti ricavati vicino ala discarica dove confluisce il percolato. L’impianto, in attesa di ampliamento – ha aggiunto la senatrice Naturale -, è di proprietà della Agecos (oggi BiWind, ndr) della famiglia Bonassisa, già protagonista di altre vicende giudiziarie. L’ambiente deve essere priorità assoluta di ogni amministratore. Tali pratiche possono diventare irreversibili per la salute. Non dobbiamo più rincorrere i reati ma prevenirli con maggiori risorse agli enti di controllo. Non c’è più tempo”, ha concluso la parlamentare.

Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/immediatonet



In questo articolo:


Change privacy settings