Karate, il foggiano Giuseppe Leone convocato al seminario della Nazionale Italiana Giovanile

Una sorpresa meravigliosa per l’atleta 13enne, al quale il suo preparatore nella vita e nello sport ricorda che questa vittoria sportiva non rappresenta affatto un punto di arrivo, ma solo l’inizio di innumerevoli successi

Ha sfiorato i 1500 partecipanti il 18esimo Open di Toscana da poco conclusosi a Follonica. Fra le 250 società presenti, la foggiana Asd Leone nella specialità del Kumite. Un appuntamento prestigioso che ha suggellato la prima di un atleta della società sportiva dauna.

Giuseppe Leone, figlio del Maestro Cosimo Leone, ha conquistato il terzo posto, sebbene per disputare la finale aveva tutte le carte in regola, portando a casa una medaglia di bronzo che non potrà confondere con le altre. Il risultato conseguito gli ha permesso di ricevere la sua prima convocazione a partecipare al prossimo seminario della Nazionale Italiana Giovanile. Quest’anno il ranking, sulla base del quale vengono selezionati i karateki che gareggeranno agli europei e ai mondiali, prevede la selezione fra le 4 migliori prestazioni ottenute dalla partecipazione a 9 competizioni internazionali, campionati italiani compresi.

Una sorpresa meravigliosa per l’atleta 13enne, al quale il suo preparatore nella vita e nello sport ricorda che questa vittoria sportiva non rappresenta affatto un punto di arrivo. Certamente un risultato del genere ripaga degli enormi sacrifici che la vita di uno sportivo agonista comporta, ma confermare nel tempo la titolarità conquistata vorrà dire soprattutto intensificare la preparazione psicofisica a partire dal prossimo allenamento. Intanto, i prossimi 6 e 7 aprile vedranno Giuseppe Leone già impegnato su un altro attesissimo tatami, quello dell’Open D’Italia di Riccione.