Autismo, a Foggia apericena solidale e “abbracciata collettiva” per bambini con educatori TMA

La Terapia Multisistemica in acqua – Metodo Caputo Ippolito è una terapia che utilizza l’acqua come attivatore emozionale, sensoriale, motorio, capace di spingere il soggetto con disturbi della comunicazione, relazione, autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo ad una relazione significativa

In occasione della Giornata Mondiale dell’Autismo, il prossimo 2 aprile, anche a Foggia si svolgeranno due importanti manifestazioni di sensibilizzazione e integrazione per persone con difficoltà motorie e cognitive. La sezione foggiana di Terapia Multisistemica in acqua – Metodo Caputo Ippolito, organizza un’apericena solidale, giovedì 28 marzo presso il locale Beer Code in via Lorenzo Caviglia. Partecipando all’iniziativa sarà possibile sostenere i progetti in favore di bambini con autismo.

La TMA Terapia Multisistemica in Acqua Metodo Caputo Ippolito utilizza l’acqua come attivatore emozionale, sensoriale, motorio, capace di spingere il soggetto con disturbi della comunicazione, relazione, autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo ad una relazione significativa. Il metodo Caputo Ippolito nasce con l’obiettivo di inserirsi in un progetto riabilitativo globale, che cura in particolar modo gli aspetti relazionali, emotivi e di integrazione sociale.

É in programma nei giorni 30 e 31 marzo invece “L’abbracciata collettiva” che si svolgerà in contemporanea a Roma, Napoli, Firenze, Milano, Foggia, Treviso, Reggio Calabria, Siracusa, Brindisi, Alessandria e Messina. L’evento nasce con lo scopo di avvicinare più persone possibili alla disabilità e in particolare all’autismo e ai disturbi mentali gravi.

L’iniziativa consisterà in una maratona natatoria che si terrà presso il Mirage Village. Ogni partecipante potrà contribuire nuotando, galleggiando, stando in corsia per un minimo di 15 minuti insieme ai nostri ragazzi che svolgono durante l’anno la Terapia Multisistemica in Acqua (TMA metodo Caputo-Ippolito).

I metri percorsi in vasca rappresenteranno simbolicamente il tentativo di avvicinarsi alle problematiche delle famiglie dei bambini con disturbo dello spettro autistico. Un modo per condividere con loro, una piccola parte del percorso della loro vita, un modo per “ab-bracciare” le loro cause finalizzate al riconoscimento dei diritti dei loro bambini speciali, spesso negati. Per la partecipazione è possibile effettuare una donazione. La somma raccolta, detratti i costi per l’organizzazione dell’evento, sarà devoluta interamente alle famiglie dei bambini con autismo che hanno meno opportunità economiche, per offrirgli la possibilità di effettuare la TMA (metodo Caputo-Ippolito) durante l’anno, così facendo si cercherà di ridurre il costo mensile che le famiglie si trovano a pagare per garantire la terapia ai propri figli.