Ictus, un robot indossabile per tornare a camminare: “Migliorati tutti i parametri dei pazienti”

Alla ricerca, che ha coinvolto 48 pazienti, ha partecipato la Fondazione Centri padre Pio di San Giovanni Rotondo

I robot indossabili migliorano la deambulazione dei pazienti nella riabilitazione post ictus. In uno studio pubblicato in questi giorni su European Journal of Physical  and Rehabilitation Medicine, che ha visto impegnata la Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio di San Giovanni Rotondo e altri 4 centri italiani (Irccs San Raffaele La Pisana di Roma, Villa Beretta di Lecco, Scrin Trevi Dipartimento di Riabilitazione Usl Umbria 2 e Università San Raffaele di Roma), sono emersi chiaramente i vantaggi del training effettuato con esoscheletro motorizzato indossabile (Ekso) nei pazienti post ictus.

A sottoporsi alla ricerca, 48 pazienti subacuti con difficoltà di deambulazione, che hanno effettuato trattamenti riabilitativi assistiti dal robot per settimane (da 3 a 5). A loro sono stati somministrate delle scale di valutazione all’inizio e alla fine del lavoro. Ebbene, in tutti i casi c’è stato un miglioramento significativo nei parametri di riferimento: i pazienti hanno mostrato un incremento della velocità della deambulazione e della distanza percorsa in un tempo di 6 minuti. Inoltre, è stato anche somministrato un questionario di gradimento del paziente rispetto alla terapia riabilitativa assistita dal robot. I risultati del questionario hanno mostrato che tutti i soggetti percepivano positivamente l’uso della tecnologia.

Il prossimo passo dell’analisi riguarderà le differenze tra l’approccio robotico e quello convenzionale, vero punto di interesse per comprendere i progressi nei casi clinici considerati. Anche la portata dell’analisi verrà ampliata, aumentando il numero di pazienti coinvolti. 

“Ancora una volta, la Fondazione contribuisce considerevolmente, insieme ad altre strutture eccellenti del panorama italiano, a misurare gli esiti del trattamento riabilitativo tecnologico e alla comparazione con quello convenzionale. Ancora una volta, il lavoro scientifico prodotto dalla Fondazione ripaga con i fatti e i benefici per gli utenti che si rivolgono alla medicina riabilitativa, l’enorme sacrificio fatto in tutti questi anni dalla nostra governance, i frati che soprattutto in questa Regione, ma in quasi tutta Italia, ci hanno creduto più di tutti e prima di tutti. La Fondazione ha raggiunto livelli erogativi eccezionali e, oggi, rappresenta con onore la nostra Regione nel complesso panorama della Riabilitazione innovativa che conta”.

SCHEDA/ Lo studio

Riabilitazione con il robot

La maggior parte delle patologie di origine neurologica (Ictus Cerebrale, Traumi e Lesioni Espansive Craniche, Sclerosi Multipla, Malattie Degenerative del SNC, Lesioni traumatiche e non del Midollo Spinale, etc.) determinano spesso importanti limitazioni funzionali con alti oneri sociali ed economici per l’organizzazione socio-sanitaria delle varie nazioni. Queste problematiche cliniche sono una delle principali cause di disabilità nel lungo periodo nel mondo. Le limitazioni del cammino presenti in questi contesti clinici sono la motivazione principale per la restrizione nella partecipazione, intesa come ripresa di una attività lavorativa, ludica e di frequentazione sociale abituale. La perdita di questa capacità facilita l’istaurarsi di una bassa stima di se stesso e basso livello di qualità della vita. Uno studio eseguito con la collaborazione di persone con esiti di Ictus Cerebrale nella realtà Nord Americana ha messo in luce l’essere in grado di percorrere autonomamente senza eccessiva fatica almeno 250/300 metri come loro importante necessità. L’autonomia nel percorrere anche brevi distanze consente di gestire fuori di casa le necessità prioritarie (parcheggiare con l’auto ed entrare in un supermarket, in un ospedale, in farmacia etc..). Pertanto nell’ambito della riabilitazione della persona con esiti di disabilità da Ictus Cerebrale con importante menomazione all’arto inferiore, il recupero funzionale a questo livello è stato uno degli obiettivi principali del team.