Centinaia di specie arboree e rare del Gargano: il Vivaio del Consorzio diventa Bosco Didattico

Il Servizio Forestale della Regione Puglia ha conferito l’importante riconoscimento procedendo quindi alla sua iscrizione nello specifico albo regionale

Il Servizio Forestale Regionale ha conferito al Vivaio Forestale della Biodiversità Garganica del Consorzio di Bonifica Montana del Gargano l’importante riconoscimento di bosco didattico della Regione Puglia, procedendo quindi alla sua iscrizione nello specifico albo regionale. Il provvedimento dell’assessorato Regionale alle Risorse Agroalimentari e Forestali attesta ulteriormente il patrimonio di esperienze e competenze che vi sono nell’ambito della struttura vivaistica consortile, ubicata presso la sede storica di San Marco in Lamis-Borgo Celano, già in possesso della certificazione di vivaio forestale regionale. Attualmente il vivaio ospita oltre un centinaio di specie arboree ed arbustive autoctone, per una produzione annua di circa duecentomila piantine destinate agli interventi di forestazione pubblici e privati, fornite a prezzo di costo. Il Vivaio Forestale per la Biodiversità Garganica ospita l’Orto Botanico delle Specie Rare del Gargano e dei fruttiferi in via di estinzione, oltre alla banca semi delle specie autoctone allevate. Il tutto è in linea con gli indirizzi nazionali ed internazionali per la conservazione della Biodiversità. Infatti, il vivaio e l’orto botanico rappresentano un mirabile esempio di conservazione ex situ. La conservazione ex situ è una strategia fondamentale di conservazione della biodiversità quando questa è gravemente minacciata, oppure quando il numero degli individui di una specie è fortemente ridotto, ed è indicata nella Strategia Nazionale per la Biodiversità che si colloca nell’ambito degli impegni assunti dall’Italia con la ratifica della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD, Rio de Janeiro 1992) avvenuta con la Legge n. 124 del 14 febbraio 1994.

“Siamo particolarmente orgogliosi per questo significativo riconoscimento – ha dichiarato il presidente del Consorzio di Bonifica Montana del Gargano, Eligio Terrenzio – perché in tutte le nostre attività vi è sempre una primaria attenzione ai temi dell’ambiente e, in questo caso, della biodiversità floristica del Gargano. L’inserimento del Vivaio Forestale della Biodiversità Garganica tra i boschi didattici della Regione Puglia qualificherà maggiormente sia le diverse nostre attività divulgative e di informazione rivolte alle scuole ed anche all’intera comunità, sia tutte le iniziative a carattere tecnico-scientifico che vedono il nostro Vivaio meta costante di studiosi ed appassionati di botanica. Questa prestigiosa area didattica – ha concluso il presidente Terrenzio – costituisce altresì preziosa occasione per ricordare a noi tutti la valenza strategica e le molteplici funzioni del bosco, che vanno ben oltre il pur importante valore economico della produzione del legno: dalla protezione del suolo, grazie all’azione di regimazione delle acque e di consolidamento dei versanti, alla conservazione della diversità biologica, sia per le specie vegetali che animali; dalla valorizzazione paesaggistica del territorio, alla produzione di ossigeno ed anche di energia rinnovabile”.