Monti Dauni, sindaco shock: “Qui ogni famiglia perde parenti per tumore”

Durissimo l’affondo del primo cittadino di Monteleone di Puglia, Giovanni Campese contro il progetto di una società di Margherita di Savoia che vorrebbe costruire un impianto di rifiuti misto: “Ho già preso troppe manganellate in passato”

Ansia a Monteleone di Puglia, piccolo comune dei Monti Dauni in provincia di Foggia, per il progetto della società IVRA di Margherita di Savoia che punterebbe all’ottenimento dell’autorizzazione alla costruzione di un impianto di rifiuti misto, aerobico-anaerobico, per trasformare la frazione umida in compost di qualità su una superficie di oltre 30mila metri quadrati. A fine 2018 l’azienda ha chiesto all’amministrazione comunale di subentrare in un lotto di 3700 metri quadrati in zona Pip. Dal Comune, però, nessuna risposta.

Durissimo l’affondo del sindaco di Monteleone, Giovanni Campese. Le sue dichiarazioni hanno scosso l’intera comunità: “Non ci saranno inceneritori, impianti o discariche a Monteleone. Questo sindaco ha preso manganellate per difendere l’ambiente e qui ogni famiglia ha perso un parente per patologie tumorali”.