Modelli educativi a Parcocittà: musica e teatro con le associazioni “Arte Fa Re” e “Piccola compagnia impertinente”

Una domenica all’insegna del saper stare insieme per i bambini de “L’Isola che c’è”, il progetto selezionato a Foggia nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile

Avevano la faccia giocosa tipica dell’Epifania, ma anche la consapevolezza di aver trascorso una domenica all’insegna del saper stare insieme con una forte impronta educativa. Erano i bambini de “L’Isola che c’è”, il progetto selezionato a Foggia dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Domenica mattina, le Associazioni Piccola Compagnia Impertinente e Arte Fa Re, hanno dato vita a Parcocittà a la “Befana vien…al Parco”, evento rivolto ai bimbi dai 4 ai 6 anni, dove musica e teatro sono andate a braccetto. I bambini hanno vissuto nello stesso momento l’esperienza dell’ascolto del racconto (tema befana) accompagnato non solo dalla musica, ma anche dal disegno (a cura di Arte fa re) e quindi, dalla rappresentazione su cartaceo della storia raccontata.

“Abbiamo cercato di aiutare le famiglie a far coltivare la creatività dei propri figli – spiega Valentina Delle Fave dell’Associazione Arte Fa Re -. Noi, all’interno di questo progetto, ci occupiamo sia dei laboratori creativi che di quelli manuali in modo tale che i bambini, attraverso il tatto e il proprio corpo, scoprano la propria creatività e siano in grado di dare forma alle idee. Le famiglie sono molto contente e i piccoli sono molto felici di partecipare a questi laboratori, che per loro sono delle opportunità che mancavano”.

“Nelle nostre attività cerchiamo di dare ai più piccoli una infarinatura di tutto ciò che solitamente si fa a teatro – aggiunge Michela Delli Carri della Piccola Compagnia Impertinente – mentre con Leggo dunque Sono facciamo comprendere loro che il libro non è solo carta ma al suo interno ci sono delle storie, che possono essere raccontate anche attraverso i giochi, n grado di trasmettere emozioni. Vedo molto partecipativi i bimbi, quindi le cose stanno funzionando. Dobbiamo cercare di coinvolgere sempre più le persone, soprattutto quelle che hanno difficoltà e la zona che circonda Parco San Felice”.

Capofila del progetto L’Isola che c’è è L’Associazione di Volontariato centro di attività per ragazzi L’Aquilone, da sempre impegnata in azioni di inclusione sociale a favore dei più piccoli, e ampia è la rete dei partner che hanno deciso di dare il proprio contributo: Comune di Foggia, Asl Foggia, Biblioteca Provinciale La Magna Capitanata, Associazione culturale Piccola Compagnia Impertinente, Associazione di Promozione Sociale Arte Fa Re, Associazione di Volontariato Sani Stili Di Vita, Associazione di promozione sociale Il Girasole, Biblioteca Associazione di volontariato Capitanata Futura, Coop. Soc. Coop Alleanza 3.0, Coop. Soc. Medtraining, Coop. Soc. Ortovolante, Fondazione Apulia Felix onlus, I.C. “Catalano-Moscati” Foggia, Dipartimento Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Foggia, Sistemi Energetici Srl.