La “buona scuola” a Pietramontecorvino: 18 tablet agli alunni di terza media per implementare conoscenze

L’amministrazione comunale, per il quarto anno di fila, ha aderito all’iniziativa che consentirà a molti studenti di usufruire di un moderno mezzo tecnologico per le proprie attività scolastiche

Partire o ripartire dalla buona scuola. Lo sanno bene a Pietramontecorvino, dove l’amministrazione comunale ha consegnato, per il quarto anno di fila, 18 tablet agli alunni di terza media, che potranno così usufruire di un moderno mezzo tecnologico per implementare meglio le attività e le proprie conoscenze.

“Lo facciamo sempre con piacere – commenta il sindaco di Pietramontecorvino, Raimondo Giallella -. L’iniziativa è molto apprezzata dagli alunni e dalle famiglie. Il dirigente e i professori sfrutteranno questo strumento per aumentare le capacità cognitive degli alunni. Ci credono così tanto che hanno chiesto all’amministrazione uno sforzo. Hanno chiesto di comprare il tablet anche agli alunni di 1 e 2 media per far sì che  durante il ciclo di studi venga usato lo strumento con appositi programmi formativi”.

L’amministrazione di Pietramontecorvino accoglierà con favore questa richiesta che sarà evasa nel mese di gennaio non appena si riaprirà l’esercizio finanziario. “In un paese dove si vive meglio bisogna attrezzare la scuola di tutto ciò che serve – continua Giallella -. Accrescere il livello culturale farà sì che i ragazzi del futuro avranno maggiore consapevolezza della propria forza e della forza della propria terra. Elevare le menti servirà senz’altro ad elevare il livello qualitativo della vita a Pietramontecorvino e nei monti dauni. Si riparte dalla scuola”.