Bara Piccininno rubata, “gesto orribile e insensato. Un’offesa senza eguali a intera comunità”

Schermata 2016-12-19 alle 12.43.14

Una offesa senza eguali alla famiglia Piccininno, alla comunità e ai Cantori di Carpino. Il vilipendio della tomba e della salma del maestro scomparso da pochi giorni è quanto di più orribile e insensato si possa fare ai danni di un Territorio e della sua cultura secolare. Ci sentiamo colpiti, come non mai, dal gesto senza attenuanti messo in atto da sciacalli profanatori che lasciano un segno indelebile nel nostro amore filiale verso al persona e l’artista.

La comunità carpinese è ferita, la nostra cultura ancora più. Quando un uomo commette un gesto così ignobile e abominevole non può essere definito tale. La cultura di questo popolo vuole archiviare al più presto questa bruttissima pagina della sua storia. Ecco perché siamo fiduciosi nell’operato delle forze dell’ordine. Ridateci la nostra serenità: ridateci Zi Nton.

Nicola Gentile
Presidente Associazione Cantori di Carpino