Trivelle, è il giorno del voto. La sfida del quorum, seggi aperti fino alle 23

Aperti oggi i seggi – dalle ore 7 alle 23 – per lo svolgimento del referendum abrogativo sulla durata delle trivellazioni in mare, che nello specifico prevede la cancellazione – mediante un unico quesito – dell’articolo 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006 numero 152 (Norme in materia ambientale). In discussione c’è la durata delle concessioni. Il quesito chiede di abrogare la norma, introdotta nella legge di stabilità entrata in vigore il 1 gennaio 2016, che permette di estendere una concessione “per la durata di vita utile del giacimento”, cioè per un tempo indefinito. Se vincerà il sì quella frase sarà cancellata e torneremo a quanto previsto in precedenza dalla normativa italiana e comunitaria: tutte le concessioni per lo sfruttamento di idrocarburi o di risorse minerarie, a terra o in mare, hanno durata di trent’anni, con possibilità di proroghe per altri complessivi venti.

Il corpo elettorale è pari complessivamente a 46.732.590; a questi vanno aggiunti 3.898.778 di elettori residenti all’estero, che però dovranno esprimere il proprio voto per corrispondenza. Il numero dei giovani che per la prima volta andranno al voto è pari a 828.519. Lo scrutinio dei voti inizierà al temine delle operazioni di voto, quindi già a partire dalle ore 23 di domani. I dati sull’affluenza verranno resi noti dal Viminale alle ore 12, 19 e alle 23. In ogni caso affinché la proposta soggetta a referendum sia approvata occorre che vada a votare almeno il 50% più uno degli aventi diritto al voto e che la maggioranza dei votanti si esprima con un ‘Sì’.



In questo articolo: