Aziende promuoveranno DOP e IGP locali lungo le Strade del Vino. “Rafforziamo marketing territoriale”

vino-rosso

Le imprese vitivinicole che operano nei territori attraversati dalle Strade del Vino potranno promuovere il sapore e la qualità delle tipicità territoriali certificate con la DOP e l’IGP, oltre a far degustare le produzioni aziendali. E’ quanto previsto da un emendamento al testo unico del vino proposto da Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura della Camera, e condiviso dai deputati Pd della Puglia, approvato ieri dalla stessa Commissione.
“Aziende agricole e cantine diventano ambasciate del gusto territoriale – commentano Colomba Mongiello e Dario Ginefra, coordinatore dei deputati pugliesi Pd – collaborando alla promozione e alla valorizzazione delle produzioni tipiche locali, purché certificate secondo i disciplinari approvati dall’Unione Europea.
Il senso della norma è rafforzare il legame esistente tra le diverse componenti del mondo agricolo per migliorare complessivamente le azioni di marketing territoriale ed incoming turistico svolte in sinergia con il sistema istituzionale del territorio.
Allo stesso tempo, si invitano gli operatori a migliorare la qualità delle produzioni e ad accedere al sistema delle certificazioni offrendo loro un’ulteriore opportunità di aprirsi al mercato.
Con i colleghi della Commissione Agricoltura abbiamo chiesto che il testo unico del vino sia approvato nella Commissione stessa per velocizzare la procedura e facilitare la discussione sull’armonizzazione delle norme che interessano questo comparto strategico dell’agroalimentare italiano”.