Violenze e abusi su donne e bambini, nasce il progetto “Vìola” dell’Ordine dei medici

violenza-donne

L’Ordine dei medici di Foggia dà vita alla “commissione Vìola”, un gruppo di lavoro per lo studio sulla violenza contro le donne e il maltrattamento dei minori. “Un gruppo di lavoro – ha spiegato la coordinatrice Laura Spinelli – iniziato con tre pioniere nel 2008 e che, con l’aiuto di medici di famiglia e pediatri di libera scelta, ha somministrato questionari negli ambulatori per far emergere il fenomeno. Un metodo scientifico per analizzare il problema, etichettandolo come una malattia sociale, studiandolo quindi come le altre malattie”. “Abbiamo elaborato un programma da inserire nei computer dei medici per meglio evidenziare i segni e i sintomi che possono permettere anche solo di ipotizzare il problema, per poi fare, da parte del medico, le domande giuste per consentire la presa di coscienza dell’abusata”.

“Abbiamo fatto corsi di formazione per preparare i medici all’approccio scientifico al colloquio”, ha continuato la dottoressa Pedale, medico di famiglia tra i responsabili del progetto: “Il progetto ha avuto un successo che non avevamo immaginato. L’abbiamo presentato nei nostri consessi scientifici ricavandone apprezzamenti ovunque. Il lavoro sarà presentato al Congresso Mondiale della Medicina Generale, e questo lo dico con l’orgoglio della nostra appartenenza al mondo Medico della Terra di Capitanata”.

“Lo stesso orgoglio e l’entusiasmo ci hanno fatto continuare nel nostro lavoro di studio”, ha specificato la dottoressa Vaccaro, tesoriera dell’Ordine dei Medici “e ci ha portato ad avanzare l’ipotesi di un protocollo d’intesa con tutte le Istituzioni presenti sul nostro territorio, dalla Prefettura, alla Questura, al Comune, passando per il Policlinico e la Asl, il mondo della Scuola, dell’Avvocatura e quello del Volontariato. Un protocollo che consenta a tutti gli attori di definire compiti e funzioni per combattere questa malattia sociale. Ognuno per le proprie competenze in una sorta di percorso diagnostico-terapeutico-assistenziale e di prevenzione, proprio come si fa per qualunque malattia cronica”.

Perciò è stato organizzato il 12 marzo prossimo – a partire dalle 8 e 30 presso l’Ordine dei medici – un evento in cui ci saranno tutti gli attori coinvolti, compresi ospiti di altre realtà in cui esperienze di cooperazione sono già partite. “La data dell’evento coincide con quello dell’omicidio di una nostra concittadina – ha dichiarato la dottoressa Volpicelli, pediatra di libera scelta – e a lei abbiamo dedicato la giornata, per ricordare Carmela, e con lei tutte le ‘Carmela’ violate e i bambini abusati”. “Questa giornata è il frutto di un lavoro lungo e faticoso, ma portato avanti con l’entusiasmo di tante persone. È loro che ringrazio per la forza che hanno saputo dare, senza la quale, la giornata del 12 marzo non ci sarebbe stata”, ha concluso la dottoressa Spinelli a nome di tutta la commissione Vìola dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Foggia.