Infermieri precari in Puglia, si punta a proroga fino al 2018. Nursind: “Lea garantiti da personale di serie B”

“La sanità brindisina si regge da tempo grazie al lavoro di infermieri precari che avevano ormai messo nel cassetto il sogno di un contratto a tempo indeterminato”. Esordisce così Carmelo Villani, delegato Rsu Nursind Brindisi, per sottolineare le difficoltà nella stabilizzazione del personale precario. “Il DPCM del 6 marzo 2015 – spiega – che disciplina le procedure concorsuali riservate per l’assunzione di personale precario del comparto sanità, è stata però la tanto aspettata cura per il male quasi incurabile di coloro che da anni sono affetti dalla precarietà lavorativa. Ma le terapie si sa non sono prive di effetti collaterali. La Corte di Giustizia europea – prosegue – con una sentenza del 26 novembre 2014, ha dichiarato contraria al diritto dell’Unione Europea la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nella parte in cui prevede la reiterazione, da parte della Pubblica amministrazione dei contratti a termine oltre i 36 mesi (art. 10, comma 4bis, del Decreto Legislativo n. 368/2001) per cui le pubbliche amministrazioni per non incorrere in sanzioni devono limitare i contratti a termine. Il DPCM in questione ha però generato infermieri precari di serie A ed infermieri precari di serie B”.
Il suddetto DPCM è indirizzato, infatti, al personale che alla data del 30 ottobre 2013 abbia maturato negli ultimi cinque anni, almeno tre anni di servizio, anche non continuativo, con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, anche presso enti del medesimo ambito regionale diversi da quello che indice la procedura.
“Attualmente i LEA, però – conclude -, vengono garantiti anche dai infermieri di serie B generati da questo decreto, ossia quegli infermieri che non hanno raggiunto o non rientrano nei requisiti per la stabilizzazione. Quale sarà il destino di questi precari ‘sfortunati?’. La limitazione del precariato non avviene di certo mandando a casa i precari”.

 





Change privacy settings