“Piano Olivicolo Nazionale è legge”. Soddisfazione dalla Mongiello: “Risorse disponibili”

“Il Piano Olivicolo Nazionale è legge da oggi. Sono operative le norme approvate dal Parlamento per le azioni di tutela e sviluppo della filiera olivicola”. Lo afferma Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura della Camera, protagonista dell’azione parlamentare che ha prodotto lo stanziamento di 32 milioni di euro per il triennio 2015-2017 “destinati a superare l’emergenza produttiva di quest’anno ed a promuovere tanto l’incremento della produzione olivicola che la commercializzazione estera dell’extravergine”.
“Grazie all’azione coordinata della Commissione Agricoltura e dei deputati pugliesi del gruppo del Partito Democratico – continua Mongiello – abbiamo ottenuto l’incremento delle risorse destinate a finanziare il Piano Olivicolo Nazionale, in uno con quelle orientate ad affrontare l’emergenza xylella.
In entrambi i casi si tratta di fondi aggiuntivi alle risorse ordinarie ed a quelle stanziate dall’Unione Europea per l’attuazione degli obiettivi della Politica Agricola Comunitaria, ciò a vantaggio soprattutto delle regioni meridionali.
Il Piano Olivicolo Nazionale ha ottenuto il parere favorevole all’unanimità della Commissione Agricoltura della Camera, l’astensione in Aula delle minoranze e il consenso unanime delle organizzazioni di rappresentanza della filiera, a testimonianza del buon lavoro svolto in Parlamento a difesa e per la valorizzazione degli uliveti e dell’olio, colpiti assai duramente dalle calamità naturali e fitosanitarie.
Le risorse dovranno essere utilizzate ed investite con intelligenza e coerenza – conclude Colomba Mongiello – per cogliere appieno l’opportunità di ristrutturazione e rilancio dell’intera filiera, che nell’ultimo triennio ha ottenuto una straordinaria attenzione da Parlamento e Governo grazie alle proposte di legge che ho avuto l’onore di promuovere a tutela dell’olio Made in Italy”



In questo articolo: