La “storia sbagliata” di Denis Bergamini nel libro di Mastroluca. Venerdì alla Mondadori di Foggia

Chi era davvero Donato “Denis” Bergamini? E soprattutto, perché è morto? A 25 anni dalla sua scomparsa, queste domande non hanno ancora trovato risposta.

Chi era davvero Donato “Denis” Bergamini? E soprattutto, perché è morto? A 25 anni dalla sua scomparsa, queste domande non hanno ancora trovato risposta. Bergamini, talentuoso centrocampista del Cosenza che ha sognato la promozione in serie A, fu trovato morto sulla Statale jonica, all’altezza di Roseto Capo Spulico, la sera di sabato 18 novembre 1989. Era la vigilia del sentito derby contro il Messina. La prima versione, che rimane tuttora l’unica verità processuale sul caso, parlò di suicidio. Una versione accreditata soprattutto dalla sua ex fidanzata, Isabella Internò, che ha passato con Denis le ultime ore della sua vita. Ma quello della morte di Denis è un giallo pieno di ombre e di domande senza risposta, un cold case senza nessuna certezza, nemmeno sull’ora del decesso. Un caso riaperto grazie alla tenacia della famiglia Bergamini e all’operato dell’avvocato Eugenio Gallerani, che ha raccolto in un dossier tutte le contraddizioni della storia, confrontando nuove testimonianze e nuovi indizi e convincendo la Procura di Castrovillari a riaprire l’indagine, stavolta per omicidio. Questo libro ripercorre tutti gli aspetti della prima inchiesta e della nuova indagine, ricostruisce il racconto dei testimoni sentiti nel 1990 e dei compagni di squadra del calciatore e le nuove interpretazioni emerse in questi ultimi anni. Ripercorre tutte le possibili dinamiche e i possibili moventi emersi in molti anni di inchieste giornalistiche e soffiate anonime, dal giro di droga alle partite truccate fino alla tragedia per motivi passionali. Una ricostruzione obiettiva e dettagliata che mette insieme tutti gli aspetti di una storia ancora incompresa. Una storia sbagliata.

 

[wzslider autoplay=”true” info=”true” lightbox=”true”]

 

Alessandro Mastroluca (1983), giornalista pubblicista, è stato vicedirettore di Ubitennis.com, il primo sito all-tennis news in Italia, e attualmente collabora per la testata online Fanpage. Vive di sport da sempre e ne scrive da 10 anni. È autore de La valigia dello sport (Effepi Libri) e, per Ultra Sport, di Il successo è un viaggio, la prima biografia italiana di Arthur Ashe.