Puglia, sale la differenziata di carta e cartone (+7,3%). Bari raggiunge l’Emilia, male Foggia e Taranto

La Puglia diviene un po’ più ecologica. Secondo i dati del Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica), raccolti nel XIX rapporto annuale sulla raccolta differenziata, sono 121.000 le tonnellate di carta e cartone raccolte nel 2013. La crescita rispetto all’anno precedente è stata del 7,3%, in linea con l’aumento nazionale di raccolta, e pari ad una media di 29,7 kg per abitante, inferiore alla media nazionale (48 chilogrammi per abitante).

La Puglia diviene un po’ più ecologica. Secondo i dati del Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica), raccolti nel XIX rapporto annuale sulla raccolta differenziata, sono 121.000 le tonnellate di carta e cartone raccolte nel 2013. La crescita rispetto all’anno precedente è stata del 7,3%, in linea con l’aumento nazionale di raccolta, e pari ad una media di 29,7 kg per abitante, inferiore alla media nazionale (48 chilogrammi per abitante).

Bari e la Bat tirano la volata

Grazie ad alcune province, come Bari e la Bat, la Puglia ha raggiunto il terzo posto nella raccolta pro capite al Sud, dietro a Sardegna e Abruzzo. La soglia da raggiungere per il salto di qualità era di 30 chilogrammi, obiettivo raggiunto in 4 province su 6. La Provincia di Bari (con la Bat) ha registrato la raccolta pro capite media più alta della regione, con 36,8 kg/ab. Seguono Brindisi (33 kg/ab), Lecce (30,4 kg/ab), Foggia (20,6 kg/ab) e Taranto (16,7 kg/ab). Bari, inoltre, dimostra che standard qualitativi elevati nella raccolta differenziata sono raggiungibili anche nelle grandi aree metropolitane del Sud. Bari si conferma tra le realtà più virtuose per la raccolta differenziata di carta e cartone: 67 kg/abitante costituiscono un dato del 38% superiore al dato nazionale, in linea, ad esempio, con il dato medio pro capite di una regione di riferimento come l’Emilia Romagna. Il riciclo dei materiali cellulosici rappresenta quasi la metà della raccolta differenziata cittadina e il 18% della raccolta di carta e cartone in Puglia.

Quanto si guadagna con il riciclo

Oltre ai benefici ambientali, la raccolta differenziata di carta e cartone consente ai Comuni italiani di contare su importanti contributi economici. “Nel 2013, Comieco ha trasferito ai Comuni della Puglia in convenzione oltre 6 milioni e 460 mila euro come corrispettivo per i servizi organizzati di raccolta differenziata comunale” ha commentato Carlo Montalbetti, direttore generale Comieco. A livello nazionale, nel 2013 la raccolta di carta e cartone registra un incremento dell’1%, raggiungendo la soglia di 3 milioni di tonnellate (+30mila tonnellate rispetto al 2012). Un dato che assume un valore ancora più positivo se lo si paragona all’andamento della produzione complessiva dei rifiuti urbani, in calo del 3,2%. La macro-area Nord conferma il primato delle quantità intercettate con oltre 1 milione e 600 mila tonnellate di materiale cellulosico, seguita dal Centro con oltre 725 mila tonnellate, in aumento del 4,6% rispetto al 2012. Il Sud, con una crescita del 4,8%, ha raccolto più di 560 mila tonnellate. Solo nel 2013, infine, i corrispettivi che Comieco ha trasferito ai Comuni italiani in convenzione sono stati oltre 88 milioni di euro, compreso l’impegno dei riciclatori.