Casi di scabbia curati agli Ospedali Riuniti di Foggia, coinvolta intera famiglia. Pronto intervento dei medici

Un intero nucleo familiare contagiato dalla scabbia è stato ricoverato agli Ospedali Riuniti di Foggia. Questa volta, a differenza del caso registrato al Don Uva, si tratta di una storia di disagio e la collaborazione tra i sanitari e il comune di Lucera (con l’interessamento diretto del sindaco Antonio Tutolo) ha permesso di risolvere un caso complicato durante il periodo natalizio.

All’arrivo in ospedale, infatti, la sera del 23 dicembre, la mamma e le tre figlie (la più grande di circa 15 anni, la più piccola di 3), sono state ricoverate nel reparto di malattie infettive dopo la visita in Pronto soccorso. “Sono stati accompagnati dai servizi sociali del Comune di Lucera – spiega a l’Immediato Cristina Sponzilli della direzione sanitaria del policlinico -, alle spalle avevano una situazione di disagio economico e sociale. Dopo la consulenza dermatologica e la diagnosi, sono stati trasferiti nel reparto di Malattie infettive, ma solo per ragioni di spazio: lì c’è una stanza di isolamento più grande e potevamo tenere unito il nucleo familiare, vista la presenza dei minori”.

Il giorno di Natale, il sindaco Tutolo li ha raggiunti per portare i giochi alle bambine, che nei giorni successivi hanno realizzato disegni per il personale sanitario, quasi a voler “ricambiare” l’affetto ricevuto. “Abbiamo fatto tutte le segnalazioni del caso, anche all’ufficio Igiene dell’Asl di Foggia – continua Sponzilli -, e assieme ai servizi sociali siamo rimasti vicini alla famiglia in difficoltà. Non c’è nessun allarme per la scabbia, che è stata trattata molto facilmente. In ogni caso, prima di Natale avrebbero dovuto essere comunque visitati, perché molto probabilmente vivono in condizioni di estremo disagio. Oggi – concludono – sono stati dimessi. Il sindaco ha seguito tutta la vicenda con attenzione. Ora non sappiamo dove sono stati sistemati, ma siamo sicuri che il caso è stato gestito nel migliore dei modi, con una efficace collaborazione tra gli enti”.

  • Giustizia e legalità

    Caro Tutolo, mi aspetto da te qualcosa di più della tua visita con doni, sicuramente gradita : non ti mancherà, e ne sono certo che ti attiverai subito (come un Sindaco deve fare in questi casi), affinchè la comunità di Lucera, al cui interno vi sono tanti imprenditori di cuore, o il Comune stesso, reperisca subito un alloggio dignitoso già per il loro rientro a casa ! Sarebbe il miglior modo di chiudere l’anno, o no ?