Nel nome di Roberta. I genitori la ricordano a San Severo: “Non succeda mai più. Pretendiamo la libertà femminile”

In città il convegno organizzato dall’Istituto scolastico “Palmieri San Giovanni Bosco”

Tra le varie iniziative nella giornata contro la violenza sulle donne, spicca sicuramente il convegno organizzato a San Severo dall’Istituto scolastico “Palmieri San Giovanni Bosco” in nome di Roberta Perillo, la ragazza vittima di un femminicidio nel mese di luglio del 2019. Un incontro dibattito molto partecipato dove oltre alle varie istituzioni, hanno partecipato anche i genitori di Roberta che hanno ricordato la figlia e contestato la sentenza in primo grado.

“Non saremmo stati soddisfatti nemmeno se avessero inflitto l’ergastolo a chi ha ucciso nostra figlia. Roberta non c’è più, questo è l’unico dato di fatto. Ci auguriamo che fatti come questi non avvengano più e che un giorno il 25 novembre e l’8 marzo non si festeggiassero più. Pretendiamo la libertà femminile”. All’incontro è intervenuto il legale della famiglia Perillo, Guido De Rossi, l’assessora alla Pubblica Istruzione, Celeste Iacovino e la vicedirettrice del Tg di La7, Pina Debbi.



In questo articolo: