“Foggia cade a pezzi, il commissariamento non venga prolungato”. FdI insorge dopo la beffa della villa comunale

La nota di Mario Giampietro, segretario cittadino di Fratelli d’Italia

“È stato bocciato il progetto Pnrr per la ristrutturazione della Villa Comunale. L’ennesima occasione persa per la nostra città. L’ennesima sciocchezza di questi commissari, che ci auguriamo lascino il prima possibile la nostra città”. Ne è convinto Mario Giampietro, segretario cittadino di Fratelli d’Italia.

“Foggia cade a pezzi – scrive -: pali ed alberi che si piegano come cartapesta, strade impraticabili, marciapiedi divelti, lavori fermi e incompiuti come i Campi Diomedei, mancanza di lavoro e di prospettiva, totale abbandono del territorio e della sua popolazione. Chiediamo che il commissariamento non venga prolungato e di indire le elezioni amministrative a marzo. Foggia già così umiliata si merita di poter andare al voto e determinare il proprio destino. Fratelli di Italia è pronto con programmi, uomini e donne seri e competenti a ricostruire una città all’avanguardia che possa guardare al futuro con orgoglio e fiducia”.

Poi conclude: “Foggia non deve essere famosa per il 108esimo posto (l’ultimo in Italia per vivibilità), non deve essere famosa per il degrado e la criminalità. Ma deve riprendersi quel ruolo di grande città del sud che aveva anni fa; anni in cui quando si parlava di Foggia bisognava veramente ‘sciacquarsi la bocca’. Noi siamo pronti. I cittadini sanno che scegliendo Fratelli d’Italia, scelgono un futuro fatto di serietà, scelte ed idee. Chi sceglie la sinistra e i 5stelle sceglie lo sfacelo di Michele Emiliano che gestisce la Regione Puglia come il suo cortiletto di casa sua”.



In questo articolo: