Tradimento nella coppia, l’analisi della sessuologa: “Uomo più arcaico. Per la donna è diverso”

Intervista alla dottoressa Teresa Siricolo, psicosessuologa clinica a Foggia

L’infedeltà nella coppia stabile è, in questi ultimi anni, molto in aumento, in particolare tra gli uomini più anziani, stanchi della castità coniugale imposta dalle mogli e, probabilmente, rinvigoriti dalle pillole che curano la disfunzione erettile, e fra le giovani coppie, dove i due partners si tradiscono reciprocamente, in misura simile, anche grazie alla possibilità di avere incontri via chat e social network. Ed è l’estate il periodo in cui si tradisce di più. 

Ne abbiamo parlato con la dottoressa Teresa Siricolo, psicosessuologa clinica a Foggia. “D’estate si tradisce di più perché è il periodo dell’anno che si vive principalmente all’aria aperta con la possibilità di incontrare persone con un abbigliamento sicuramente più attraente, i corpi delle donne sono più scoperti e la voglia di desiderare aumenta”. Tradisce più l’uomo o la donna? “Sicuramente l’uomo perché vede il tradimento in una forma molto più superficiale, mentre la donna per tradire ha bisogno di un coinvolgimento più attivo, ha bisogno di essere corteggiata. L’uomo è più pratico, più arcaico, vede un corpo, gli piace e fa di tutto per poterlo conquistare”.



In questo articolo: