Moria di pesci nel lago di Occhito, effettuati i controlli dell’Arpa. Ecco l’esito dei primi esami sulle acque

“Appare emergere uno scenario piuttosto sovrapponibile ai dati routinari periodicamente monitorati nell’invaso (con cadenza mensile-bimestrale), senza ravvisare particolari anomalie sulla matrice acque”

È giunta la risposta dell’Arpa sul caso delle carpe morte nel lago di Occhito. In una missiva inviata ai Comuni di Celenza Valfortore e Carlantino, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente scrive: “In riferimento alle segnalazioni pervenute in data 21 aprile 2022, circa la moria di pesci nel Lago di Occhito, da parte di codesta Stazione e del Consorzio di Bonifica di Capitanata (CBC), si comunica quanto segue. In pari data questo Dipartimento ha prontamente allertato la locale ASL FG per concordare nel più breve tempo possibile un intervento congiunto, in raccordo con il personale del CBC del presidio di Occhito. Pertanto, date le circostanze segnalate, già nella mattinata del 22/04/2022 personale di questo Dipartimento unitamente a personale del Servizio Veterinario della ASL FG eseguivano, alla presenza del personale del CBC, campionamento delle acque antistanti la zona di rinvenimento di pesci morti in Località ‘Cigno’, così come da verbale di campionamento che si allega, ed i cui esiti analitici completi saranno trasmessi non appena saranno concluse le rispettive analisi”.

“A tal proposito – si legge ancora -, dai primi riscontri analitici disponibili, appare emergere uno scenario piuttosto sovrapponibile ai dati routinari periodicamente monitorati nell’invaso (con cadenza mensile-bimestrale), senza ravvisare particolari anomalie sulla matrice acque.
Una prossima campionatura delle acque dell’invaso, verrà eseguita il prossimo martedì 03/05/2022, sempre in collaborazione con il personale referente di Occhio del CBC. Ad accertamenti ultimati saranno trasmessi gli esiti analitici completi delle due campionature,
nonché saranno prontamente segnalate eventuali anomalie che dovessero eventualmente emergere”.



In questo articolo: