Cane cade in un pozzo nel Foggiano, salvato dai Vigili del fuoco ed Enpa. “Era sfinito, ha lottato tanto per sopravvivere”

Rimarrà ricoverato presso il rifugio dell’Enpa Torremaggiore e verrà sterilizzato e microchippato

Salvato dopo un recupero complicato, durato 40 minuti, con l’intervento e della Polizia Locale, dei vigili del fuoco e della Enpa locale. È salvo per miracolo il cane caduto in un pozzo in contrada Cappella, a Torremaggiore. Tutto è partito dalla segnalazione di un cittadino, arrivata in mattinata. Il ragazzo che ha sentito i lamenti era al lavoro in zona. Un vigile è riuscito a calarsi nel pozzo e ad agganciare il cane che è stato poi issato su una fune e tratto in salvo. “Ora provvederemo a far fare tutti gli accertamenti veterinari del caso”, spiegano i soccorritori.

“Il cane, un maschio di circa 4 anni che vive in zona – racconta Francesco, operatore dell’Enpa di Torremaggiore che insieme alla collega Pia è intervenuto sul posto – era spaventatissimo e zoppicava. Lo abbiamo recuperato e portato al canile sanitario dove è stato visitato dalla veterinaria dell’Asl, Marisa Carafa. Secondo la dottoressa si trovava lì da circa quattro/cinque ore e le sue condizioni sono abbastanza buone. La signora proprietaria del pozzo ha affermato che una volta era chiuso da un coperchio, non abbiamo quindi certezza delle dinamiche che hanno portato il cane a finire dentro e se sia effettivamente entrato da solo nel pozzo”.

Il cane rimarrà ricoverato presso il rifugio dell’Enpa Torremaggiore e verrà sterilizzato e microchippato. La veterinaria Carafa, lo visiterà nuovamente per dare anche una valutazione comportamentale e da lì si capirà il percorso da fare. “Oggi, infatti – continua Francesco dell’Enpa Torremaggiore – era comprensibilmente molto spaventato e non si faceva avvicinare facilmente. Ci occuperemo di lui fino a quando non si rimetterà in sesto. Per fortuna siamo riusciti a recuperarlo in tempo”.