Assunzioni in Regione, boom di domande: quasi 65mila candidati (anche dalla Valle d’Aosta) per 306 posti

Oltre alla massiccia partecipazione dei pugliesi (61.612, il 93,6%) anche di 869 lucani. Al quarto posto, “proprio a conferma del fatto che stiamo dando la possibilità a molti dei nostri ragazzi di rientrare in regione”, ci sono 457 domande arrivate dal Lazio, le 384 della Lombardia, le 280 dell’Emilia

Chiuso il termine per la presentazione delle domande al Concorso per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di 306 unità di categoria C per vari profili professionali. Ed è boom di candidati: saranno infatti 65.830 a partecipare a questa opportunità.

“Abbiamo fatto un lavoro certosino e di squadra che porterà all’assunzione di nuove figure professionali necessarie per rinnovare e modernizzare la macchina amministrativa anche in ambiti complessi, dando al contempo speranze a tanti giovani in cerca di un’occupazione di valore a tempo indeterminato in un momento difficile per il Paese e offrendo a molti di loro la possibilità di rientrare dall’estero e dalle Regioni del Nord Italia”, afferma l’assessore regionale al Personale, Gianni Stea.

Tra i primi dati in possesso dell’Assessorato, riguardo alle iscrizioni, Stea sottolinea oltre alla massiccia partecipazione dei pugliesi (61.612, il 93,6%), anche gli 869 lucani. Al quarto posto, “proprio a conferma del fatto che stiamo dando la possibilità a molti dei nostri ragazzi di rientrare in regione”, ci sono 457 domande arrivate dal Lazio, poi 384 dalla Lombardia, 280 dall’Emilia. Una sola domanda è invece arrivata dalla Valle d’Aosta. Mentre l’età media dei partecipanti ai 25 profili professionali si attesta attorno ai 35 anni, andando da una media di 37 per Istruttore legislativo e Auditing e Controllo, ai 34 anni del settore Fitosanitario e delle Politiche internazionali.

Molte le donne che parteciperanno al concorso e che anzi per alcuni profili sono in netta maggioranza: 68 per il Socio assistenziale; 65,5% per Gestione e sviluppo risorse umane; 67,6% per l’Istruzione; 61,8% per le Gestione affari legali e 61,7% nel Turismo. Rappresentano complessivamente il 54,3% delle candidature.

Tra le curiosità che invece riguardano i “settori” preferiti, al primo posto si piazza la Gestione Affari Legali con 8.887 domande per 26 posti. Seguono 7.758  domande per Gestione e Sviluppo risorse umane (15 posti disponibili); 6.991  per Istruttore risorse economico-finanziarie  (45 posti). “Solo” 611 domande per Trasporti e mobilità, dove sono disponibili 6 posti.