Covid, tamponi gratuiti a scuola all’Istituto Marcelline di Foggia. “Meno stress per famiglie e alunni”

“Chiamati ad effettuare un ulteriore sforzo, facendo appello alle proprie risorse, ma, soprattutto, mettendo in campo soluzioni efficaci”

Come far fronte alle difficoltà della scuola generate dai casi di positività al covid-19? Ce ne parla la preside dell’Istituto Marcelline, Stefania Tetta, che ha snellito le operazioni e agevolato le famiglie, consentendo agli alunni di effettuare i tamponi gratuitamente a scuola. In presenza di un caso positivo accertato da tampone, nelle classi della scuola primaria scatta la sorveglianza con testing: la data di T0 corrisponde al giorno di segnalazione del primo caso con tampone, a cui fa seguito la data T5 e T10, corrispondenti al monitoraggio preventivo della classe trascorsi 5 e poi 10 giorni. Naturalmente, dall’esito del tampone dipende la possibilità di frequentare in presenza o da casa con l’attivazione della didattica a distanza.  

“In questo ultimo periodo, in particolare dal rientro in classe dopo le vacanze natalizie, la scuola è stata chiamata ad effettuare un ulteriore sforzo, facendo appello alle proprie risorse, ma, soprattutto, mettendo in campo soluzioni efficaci per garantire la scuola in presenza in totale sicurezza – ha dichiarato la preside Tetta -. All’Istituto Marcelline le nostre famiglie possono decidere di sottoporre i bambini al tampone gratuitamente a scuola. Abbiamo predisposto un servizio di testing, gestito dalle farmacie o centri diagnostici cittadini, per tutto il periodo di sorveglianza, che parte dalla presenza di un primo caso positivo in classe. In questo modo le famiglie possono ovviare alle normali procedure di attesa a casa o alle lunghe file di fronte alle farmacie, affidandosi serenamente alle operazioni di testing organizzate a scuola.”, ha spiegato la preside Tetta. “In più – continua la preside -, i nostri alunni possono vivere con minore stress la non piacevole esperienza del tampone, potendo condividere incertezze e timori con i propri compagni di classe, supportati dagli insegnanti al loro fianco anche in questa occasione”. 

Non solo un utile servizio alle famiglie, ma anche un momento di crescita collettiva, per non perdere l’occasione di insegnare ai nostri alunni che se le situazioni cambiano anche rapidamente, possiamo attivare risposte e risorse per fronteggiarle nel miglior modo possibile.