Dottoressa aggredita in pronto soccorso a Cerignola: “Ancora un atto vile e deplorevole”

Il Direttore Generale della ASL Foggia Vito Piazzollaesprime solidarietà, a nome di tutta l’Azienda Sanitaria Locale di Foggia, alla dottoressa che questa mattina è stata aggredita mentre prestava servizio al Pronto Soccorso dell’Ospedale Tatarella” di Cerignola.

Autore della violenta aggressione verbale, il padre di un paziente tredicenne, giunto al Pronto Soccorso in codice verde.

Da una prima ricostruzione dei fatti, l’uomo avrebbe minacciato la dottoressa al termine della visita, quando il bambino, accompagnato dalla madre, era stato già trasferito in Pediatria per una consulenza.

Informato dell’accaduto, Piazzolla ha contattato telefonicamente la dottoressa per sincerarsi circa il suo stato di salute.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e la Postazione 118.Il Pronto Soccorso è stato chiuso dalle ore 10,00 alle ore 14,00 per i soli codici verdi. Assicurate, invece, le urgenze.

Si è trattato, ancora una volta – dichiara il Direttore Piazzolla – di un atto vile e deplorevole, compiuto ai danni di chi svolge il proprio lavoro per il bene della comunità e a tutela del diritto alla salute. Mi auguro che la dottoressa, molto provata per l’accaduto, possa recuperare la giusta serenità e tornare quanto prima al lavoro”.