Nuovo picco di ricoveri nelle terapie intensive di Puglia, 286 pazienti gravi. Regione terza in Italia per nuovi ingressi

Fanno peggio solo Piemonte e Lombardia. Una crescita costante registrata soprattutto nell’ultima settimana

Una crescita costante per cinque giorni di fila. Mercoledì 14 aprile, nelle Rianimazioni Covid della Puglia si contavano 270 ricoverati nel complesso, il giorno dopo quel numero è salito a quota 277, ventiquattr’ore più tardi a 283, poi ancora uno in più e, domenica 18 aprile (ultimo dato disponibile) i pugliesi in quei reparti sono diventati 286. È il (nuovo) picco per una regione che fa i conti con la terza ondata della pandemia, spinta dai contagi in famiglia nelle festività di Pasqua.

E con i 16 ricoverati nelle ultime 24 ore, la Puglia è terza in Italia per numero di nuovi ingressi nelle Rianimazioni Covid, preceduta da Piemonte (23) e Lombardia (20). La buona notizia è che la regione ha guadagnato il quarto posto nella classifica nazionale sull’uso dei vaccini anti-Covid rispetto alle fiale consegnate dal commissario all’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo. A Bari e dintorni è stato somministrato il 90,3 per cento delle dosi consegnate. Prima della Puglia ci sono Umbria, Veneto ed Emilia-Romagna.

La campagna di immunizzazione procede dando priorità ai cittadini con elevata fragilità, che sono presi in carico dai medici di famiglia o dai centri di cure specialistiche, agli over 80 (negli ambulatori e a domicilio) e poi procede per età, dai 79 anni. (fonte Repubblica Bari)



In questo articolo:


Change privacy settings