L’Associazione Ristoratori e Baristi denuncia delle disparità di trattamento nei ristori. “Chi ha protestato è stato ignorato”

Sono rientrati solo in 14 del capoluogo. Tutti gli altri sono dei paesi più popolosi della provincia: Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Torremaggiore e San Severo. E la maggior parte di loro non sarebbe neppure iscritta all’Arb

Si sentono beffati i ristoratori e i baristi dell’associazione Arb della provincia di Foggia. Nella lista di coloro che hanno ottenuto i sostegni regionali previsti nel fondo messo a disposizione nell’asse turismo insieme all’assessore al bilancio Raffaele Piemontese sono rientrati solo in 14 del capoluogo. Tutti gli altri sono dei paesi più popolosi della provincia: Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Torremaggiore e San Severo. E la maggior parte di loro non è neppure iscritta all’Arb.

“Il sacrificio di pochi vale il beneficio di tanti”, dice il presidente a l’Immediato riferendosi al fatto che in pochi sono andati a protestare e prestare la loro faccia per la protesta sotto la Prefettura. “Abbiamo fatto domanda, ma siamo ancora ignorati dalla Regione”, è il loro grido.