Il nuovo presidente di Confindustria Foggia si presenta: “Parola chiave ‘identità'”. E punta sulle Tremiti: “Saranno inserite in grande progetto”

Dimauro: “Spero di essere all’altezza del complicato lavoro che mi accingo a svolgere con umiltà, spirito di servizio e senso di appartenenza”. Annunciato il primo forum su energia e agricoltura

Giancarlo Francesco Dimauro è ufficialmente il nuovo presidente di Confindustria Foggia. Lo ha eletto oggi l’assemblea degli associati riunita al Formedil. Altissimo il quorum riportato nel voto a scrutinio segreto, con 888 voti su 898 voti espressi (10 le schede bianche). Intensa la partecipazione delle aziende che si sono costituite in rappresentanza di 906 voti su circa 1200 esprimibili. Dimauro, nato a San Severo 65 anni fa, è imprenditore nel campo delle energie rinnovabili. Lunga la sua esperienza nel settore, iniziata negli anni ‘80 a Milano nel Centro di Ricerche Termo Nucleari dell’Enel. Succede a Gianni Rotice. È il ventitreesimo presidente della storia di Confindustria Foggia. Eletti anche 4 vice presidenti: Stefania Ciriello (Gruppo Adecco), Alfonso De Pellegrino (Amgas Blu, Gruppo Hera), Mariateresa Sassano (Internazionalizzazione) e Alessandro Vallo (Gruppo Leonardo), cui sono state già conferite specifiche deleghe operative. Ai 4 neo eletti si aggiungono i 2 vicepresidenti di diritto già eletti, Michele Gengari, presidente della Piccola Industria e Rocco Salatto, presidente dei Giovani Industriali.

La squadra del nuovo presidente si completerà con la nomina del responsabile del Centro Studi, già preannunciata con la conferma di Micky De Finis. L’assemblea ha anche rieletto Eliseo Zanasi presidente onorario. Nel corso dei lavori – che ha fatto registrare la partecipazione di numerosi presidenti di Confindustria della Puglia, della Campania, della Basilicata e della Bat – sono intervenuti il presidente di Confindustria Puglia, Sergio Fontana e il presidente nazionale di Confindustria Carlo Bonomi, quest’ultimo in collegamento da Roma. Con l’elezione di Giancarlo Francesco Dimauro e della sua squadra, si conclude la fase di reggenza straordinaria affidata ai due Past President Zanasi e Biscotti, cui è toccato il compito di ripristinare le attività associative, attraverso la ricomposizione di tutti gli organismi interni, come da prescrizioni dettate dai vertici confederali nazionali. “Sono onorato ed emozionato per essere stato chiamato in questo compito – ha dichiarato Dimauro -. Spero di essere all’altezza del complicato lavoro che mi accingo a svolgere con umiltà, spirito di servizio e senso di appartenenza in un rinnovato clima di collegialità. Quello che posso dire ora è che la storia di Confindustria prosegue nel solco della tradizione, che suggerisce sempre di guardare avanti”.





Change privacy settings