Terremoto al Comune di Foggia, tangenti per l’assegnazione di appalti: 4 arresti. Il blitz della Guardia di Finanza

Presunta mazzetta da 35mila euro nel mirino degli investigatori. Indagini condotte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Finanza di Bari e coordinate dalla Procura di Foggia

Terremoto al Comune di Foggia: la guardia di finanza sta eseguendo quattro ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari, nell’ambito di un’inchiesta su presunte tangenti pagate per l’assegnazione di appalti.

Domiciliari per un consigliere comunale della maggioranza di centrodestra, un funzionario del Comune di Foggia, un imprenditore e un faccendiere. Al momento non trapelano i nomi. Le indagini sono state condotte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Bari e coordinate dalla Procura di Foggia. Riflettori puntati sul pagamento di una presunta tangente da 35mila euro. Seguiranno aggiornamenti.



In questo articolo:


Change privacy settings