Sarà Procida, in provincia di Napoli, la Capitale Italiana della Cultura per il 2022. Niente da fare per Bari e Taranto

La giuria di esperti è stata presieduta dal professor Stefano Baia Curioni e la proclamazione è avvenuta con una cerimonia trasmessa sul canale Youtube del Mibact

Il Mibact ha deciso: sarà Procida, in provincia di Napoli, la Capitale Italiana della Cultura per il 2022. In sfida c’erano anche Taranto e Grecìa Salentina, Bari, Ancona, Cerveteri (Roma), L’Aquila, Pieve di Soligo (Treviso), Trapani, Verbania e Volterra (Pisa). La giuria di esperti è stata presieduta dal professor Stefano Baia Curioni e la proclamazione è avvenuta poco fa con una cerimonia trasmessa sul canale Youtube del Mibact.

La capitale italiana della cultura è una città designata ogni anno dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e scelta da una commissione di sette esperti nominata dallo stesso ministero che, per il periodo di un anno, ha la possibilità di mettere in mostra la sua vita e il suo sviluppo culturale. L’idea nasce nel 2014 ed è di Dario Franceschini (foto sopra), ministro dei Beni culturali e del turismo: l’obiettivo è “valorizzare i beni culturali e paesaggistici” e “migliorare i servizi rivolti ai turisti”.



In questo articolo:


Change privacy settings