Usura, tre strozzini condannati dal Tribunale di Foggia. Le “transazioni illecite” nei supermercati di Lucera e Torremaggiore

Gli imputati, in concorso tra di loro, uniti dal medesimo disegno criminoso, percepivano interessi usurari attraverso lo scambio di titoli di credito con denaro contante

Una volta ancora la denuncia si è dimostrata la soluzione migliore per liberarsi dall’oppressione e dalle angherie degli usurai. Ed una volta ancora la Fondazione antiusura Buon Samaritano, rappresentata dall’avvocato Enrico Rando, ha inteso costituirsi parte civile nel processo penale a carico di tre soggetti, che svolgevano la propria attività in supermercati a Torremaggiore e Lucera, imputati di usura aggravata. Lo scorso 23 dicembre il Collegio b della Prima Sezione del Tribunale di Foggia ha emesso sentenza di condanna a carico di tutti e tre gli imputati, con pene che oscillano da anni 2 e mesi 10 ad anni 3 e mesi 4 di reclusione.

La vicenda si è protratta nel corso degli anni 2006 e 2007 ed ha avuto luogo all’interno dei supermercati, dove avvenivano le “transazioni”. Gli imputati, in concorso tra di loro, uniti dal medesimo disegno criminoso, percepivano interessi usurari attraverso lo scambio di titoli di credito con denaro contante. Alle vittime, esercenti di attività commerciali, veniva consegnata una somma in contanti di importo pari all’assegno consegnato agli usurai decurtato di una percentuale, definita usuraria dalla sentenza di condanna del tribunale.

Anche in questa circostanza la Fondazione antiusura Buon Samaritano ha inteso schierarsi accanto alla vittima per farle sentire la vicinanza delle istituzioni, dei cittadini e di quella parte che ha deciso di non arretrare davanti al fenomeno criminale, nonché per dimostrare di quanto sia importante la partecipazione alla fase processuale al fine di agevolare un giusto processo ed adeguate risposte da parte della giustizia.



In questo articolo:


Change privacy settings