Il Foggia getta alle ortiche altri due punti, rossoneri fermati dalla Vibonese. Al “Luigi Razza” è solo 1-1

È appena terminata Vibonese-Foggia, gara valida per il recupero della nona giornata di Lega Pro girone C, sul punteggio di 1-1. I rossoneri gettano alle ortiche altri due punti, contro un avversario che per valore della rosa, almeno sulla carta, non era superiore. La squadra di Marchionni ha mostrato un’involuzione nel gioco rispetto alle precedenti uscite stagionali e, oltre che per l’occasione del gol, non ha creato mai particolari problemi alla difesa avversaria. Le due reti della gara sono state siglate entrambe nel primo tempo: al 7′ per il Foggia e al 23′ per la Vibonese.

Marchionni cambia solo due uomini rispetto alla gara con la Virtus Francavilla: Vitale, scontata la squalifica, torna dal primo minuto ed Anelli prende il posto di Germinio nel reparto arretrato.
Di conseguenza, il Foggia si schiera con il consueto 3-5-2, caratterizzato dai seguenti interpreti: Fumagalli; Gavazzi, Del Prete, Anelli; Di Jenno, Salvi, Rocca, Vitale, Kalombo; Curcio, D’Andrea. Il primo pallone del match è gestito dal Foggia, che effettua dopo solo un minuto la prima conclusione della gara sugli sviluppi di una punizione battuta da Salvi. Al 7′ i rossoneri si portano in vantaggio: un difensore della Vibonese calcola male il rimbalzo di un lancio proveniente dall’altra metà campo e ingenuamente si lascia scavalcare dal pallone, D’Andrea ringrazia e con un pallonetto supera il portiere avversario. Il gol vale il primo centro stagionale per l’attaccante del Foggia. La Vibonese cerca di reagire e al 22′ è necessario un intervento di Fumagalli per mantenere saldo il risultato. Ma è solo il preludio al gol dei padroni di casa, che arriva un minuto dopo direttamente da una punizione e porta la firma di Laaribi. Al 36′ la Vibonese ha una ghiotta chance per completare la rimonta, ma il portiere rossonero si oppone egregiamente ad una girata di controbalzo di Statella, che sembrava destinata a insaccarsi sotto il sette. Al 45′ Rocca cerca il gol dalla distanza, ma Marson è attento e devia il pallone in corner. È questa l’ultima occasione della prima frazione di gioco, che termina 1-1.

Il secondo tempo si apre con il Foggia in attacco alla ricerca del secondo gol. I pugliesi si rendono molto pericolosi con D’Andrea al 50′ ma l’assistente segnala l’offside. Col passare dei minuti la Vibonese prende coraggio e si affaccia più volte nell’area rossonera. Al 73′ è Fumagalli a scongiurare il vantaggio dei padroni di casa, respingendo bene una conclusione avversaria. Cinque minuti dopo Marchionni è costretto a due sostituzioni: entra Galeotafiore ed esce Germinio, entra Morrone ed esce Salvi. I due calciatori rossoneri sostituiti si erano scontrati in un intervento aereo che non ha permesso loro di proseguire la partita. La trama della fase conclusiva del match vede la Vibonese condurre la partita, ma non registra potenziali occasioni da rete. Dopo 7′ di recupero, al “Luigi Razza” termina 1-1 la gara tra Vibonese e Foggia.



In questo articolo:


Change privacy settings