Covid, oggi 4.458 nuovi contagi: è il dato più alto da aprile. Salgono anche ricoveri gravi e morti

Roma, 8 ottobre 2020 – Sono ancora in crescita le cifre del Coronavirus in Italia. Il nuovo bollettino riporta infatti oltre 4mila nuovi casi. “C’è una recrudescenza a livello europeo” e nel nostro Paese “da 9 settimane i numeri crescono e cresceranno ancora in linea con quanto sta avvenendo” in altre nazioni, ma “noi vogliamo faremo il necessario per evitare di adottare misure drastiche come quelle adottate a marzo e aprile”, ha detto il ministro della Salute, Roberto& Speranza intervenendo all’EY Capri Digital Summit. “Faremo tutto ciò che è necessario per evitare misure drastiche”, ha aggiunto il ministro, ricordando che è “necessario usare le mascherine, evitare gli assembramenti, fare lavaggi frequenti delle mani”.

Mascherina obbligatoria. All’aperto, in auto o in ufficio: regole ed eccezioni

E la situazione continua a peggiorare anche nel resto del mondo: la Germania ha registrato oggi 4.058 nuovi infetti, nella regione di Parigi è scattato il piano d’emergenza che consente di mobilitare tutte le risorse degli ospedali, la Russia i nuovi casi giornalieri hanno superato quota 11mila. 

Il bollettino dell’8 ottobre

Continua a crescere il numero dei nuovi casi di Covid 19: secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, sono stati 4.458 nelle ultime 24 ore, a fronte del +3.678 registrato ieri: il totale sale cosi’ a 338.398. Nuovo record del numero dei tamponi effettuati: 128.098. Le vittime di oggi sono 22, contro le 31 di ieri.

I numeri dalle regioni

Campania

Ancora un’impennata di contagi da Covid-19 in Campania. Nelle ultime 24 ore sono 757 i positivi facendo salire il totale dei contagi da inizio pandemia a 16.464. Nella giornata di ieri si è registrato anche un decesso e 149 guariti. I decessi salgono dunque a 470, mentre i guariti sono in totale 7.044. I tamponi eseguiti 654.892, di cui 9.925 effettuati ieri. Su base regionale, i posti di terapia intensiva disponibili sono 108 e quelli occupati 55. I posti letto in degenza disponibili sono 665 e gli occupati 550. Come programmato, a questi posti letto disponibili si aggiungono, in caso di necessità, quelli della “Fase C” che prevede l’attivazione di 600 posti letto di degenza, 200 di sub-intensiva e 200 di terapia intensiva.

Veneto

Nuovo balzo di nuovi casi di Coronavirus in Veneto. Il bollettino della Regione  ne conta nelle ultime 24 ore ben 491. Sfiora i 30 mila il totale degli infetti dall’inizio dell’emergenza ad oggi pari a 29.909. A pesare nei dati di oggi e’ soprattutto un cluster che interessa lo stabilimento Fincantieri di Venezia e un centro diurno per disabili vicentino. Tre i decessi registrati. Dall’inizio dell’emergenza il Veneto ha ‘processato’ 2.025.769 tamponi molecolari. Nell’ultima settimana ne sono stati fatti 95.000, con un aumento del 4,92%. Nella regione – spiegano fonti della sanità – sono in rapida crescita i numeri dei test rapidi, i metodi di screening che comprendono i sierologici (il cosiddetto pungi-dito) e i nuovi tamponi faringei antigenici, giunti a quota 1.430.000. Quanto alla situazione dei contagi, il 95-96% dei pazienti è asintomatico.

Lazio

“Su oltre 13mila tamponi, oggi nel Lazio si registrano 359 casi – di questi 144 a Roma – 6 i decessi e 81 i guariti”, ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, spiegando che “il rapporto tra i positivi e i testati è al 2,7%”.

Emilia Romagna

Dall`inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna sono stati registrati 36.638 casi di positività, 184 in più rispetto a ieri, su quasi 11.700 tamponi eseguiti. Dei nuovi positivi sono 71 gli asintomatici. Per quanto riguarda la situazione nel territorio, il maggior numero di casi si registra nelle province di Bologna (34), Piacenza (28), Modena (26), Reggio Emilia (23), Parma (19), Ravenna (17), Rimini (17) e Cesena (13). Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 5.179 (+121), il 96% dei casi attivi. I pazienti in terapia intensiva sono 13 (-1 rispetto a ieri), 232 (+9) quelli negli altri reparti Covid. Le persone complessivamente guarite hanno raggiunto quota 26.722 (+54 rispetto a ieri).

Toscana

In Toscana sono 16.612 i casi di positività al Covid, 339 in più rispetto a ieri (192 identificati in corso di tracciamento e 147 da attivita’ di screening). I nuovi casi sono il 2,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. L’etàmedia dei 339 casi odierni è di 42 anni circa e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 62% è risultato asintomatico, il 32% pauci-sintomatico. I guariti crescono dello 0,2% e raggiungono quota 10.693 (64,4% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 806.096, 9.050 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 4.749, +7,2% rispetto a ieri. I ricoverati sono 159 (8 in più rispetto a ieri), di cui 27 in terapia intensiva (1 in meno). Oggi non si registrano nuovi decessi. 

Marche

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 2.062 tamponi: 1.158 nel percorso nuove diagnosi e 904 nel percorso guariti. I nuovi positivi sono risultati 66: 24 in provincia di Fermo, 20 in provincia di Ascoli Piceno, 11 in provincia di Macerata, 6 in provincia di Ancona, 3 in provincia di Pesaro Urbino e 2 fuori regione.

Puglia

In Puglia su 4.754 test sono stati registrati altri 248 casi positivi: 175 in provincia di Bari, 15 in provincia BAT, 3 in provincia di Brindisi, 27 in provincia di Foggia, 10 in provincia di Lecce, 17 in provincia di Taranto, 1 residente fuori regione. Segnalata anche una vittima in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 440.278 test, 4.929 sono i pazienti guariti, 3-334 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 8.867.

Il report di Gimbe

“Nell’ultima settimana la curva dei contagi si è impennata, in conseguenza del netto incremento del rapporto positivi/casi testati. Si conferma inoltre la crescita costante dei pazienti ospedalizzati con sintomi e di quelli in terapia intensiva”, dice Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. Il monitoraggio indipendente della Fondazione, condotto nella settimana 30 settembre-6 ottobre  rileva infatti un netto incremento , rispetto alla precedente nel trend dei nuovi casi (17.252 contro 12.114) a fronte di un numero di poco superiore di casi testati (429.984 contro 394.396), oltre a un rilevante aumento del rapporto positivi/casi testati (4% contro 3,1%). Dal punto di vista epidemiologico crescono i casi attualmente positivi (60.134 contro 50.630) e, sul fronte degli ospedali, aumentano i pazienti ricoverati con sintomi (3.625 contro 3.048) e in terapia intensiva (319 vs 271). Continuano a salire, seppur lentamente, anche i decessi (155 vs 137). In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano le seguenti variazioni: Decessi: +18 (+13,1%) Terapia intensiva: +48 (+17,7%) Ricoverati con sintomi: +577 (+18,9%) Nuovi casi: +17.252 (+42,4%) Casi attualmente positivi: +9.504 (+18,8%) Casi testati +35.588 (+9%) Tamponi totali: +63.351 (+9,7%).





Change privacy settings