Lasciati a piedi dai pullman di linea nella tratta Mattinata-Manfredonia, si muove anche l’arcivescovo. “Si provveda con urgenza con mezzi bis”

L’arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, Franco Moscone, denuncia il disservizio del trasporto pubblico degli studenti residenti a Macchia, frequentanti scuole di Manfredonia. “Per alcuni giorni – si legge in una nota diffusa dalla Diocesi -, ben 24 studenti residenti nella frazione Macchia di Monte Sant’Angelo, pur avendo pagato l’abbonamento per il mese di settembre, sono stati regolarmente lasciati a piedi dai pullman di linea provenienti di Mattinata e diretti a Manfredonia. Se pur buono e doveroso che si osservino le norme di sicurezza dei passeggeri a bordo, rispettando i limiti di affollamento previsti dalle norme in materia di diffusione del coronavirus, è altrettanto doveroso che le aziende concessionarie del trasporto pubblico che ben conoscono il numero degli abbonati, provvedano con urgenza al trasporto degli abbonati studenti con mezzi bis e/o tris che sulla tratta in argomento possano consentire agli studenti di raggiungere la scuola al mattino e all’ora di pranzo di ritornare a casa”.

“Sono giorni – si legge – che l’Arcivescovo riceve telefonate e messaggi dagli studenti e dai genitori infastiditi per il disservizio del servizio pubblico di trasporto che sta creando problemi alle famiglie residenti a Macchia e agli studenti che restano a piedi perché i pullman sono già pieni, per cui i genitori sono costretti a  provvedere con mezzi propri al trasporto dei giovani studenti a scuola. Al rientro, poi, dopo le 12,30, se per la calca non possono salire sul pullman, gli studenti devono attendere i pullman successivi previsti alle 16 o alle 17. In teoria i ragazzi devono aspettare diverse ore per far ritorno a casa. L’Arcivescovo auspica, facendosi voce degli studenti di Macchia, che per l’attenzione delle aziende di trasporto pubblico, nelle fasce orarie di entrata e uscita da scuola, si provveda presto a intensificare le corse con più pullman in servizio visto che gli automezzi pubblici possono essere riempiti solo per 80%”.



In questo articolo:


Change privacy settings