Spiagge occupate abusivamente, triplo blitz della Guardia Costiera. Sequestri a Torre Mileto, Rodi e Marina di Chieuti

“Liberati” 7mila metri quadrati e sequestrate centinaia di attrezzature balneari lungo le coste garganiche

Nell’ultima settimana sono tre le operazioni portate a termine dai militari dell’Ufficio Locale Marittimo di Lesina finalizzate a reprimere il fenomeno dell’occupazione abusiva di ampi tratti di demanio marittimo su quel tratto di costa.

In particolare le attività, svolte con il supporto dei militari della Capitaneira di Porto di Manfredonia e dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste e sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Bari, si collocano all’interno dell’operazione Mare Sicuro 2020 che ogni anno vede impegnati gli uomini della Guardia Costiera sui circa 8.000 di costa della Penisola. In particolare nel corso delle ultime attività di polizia demaniale, esperite presso tre distinti stabilimenti balneari presenti tra Marina di Chieuti, Rodi Garganico e Torre Mileto, i militari operanti hanno accertato come le superfici effettivamente occupate fossero di gran lunga superiori a quelle autorizzate nei titoli autorizzativi in capo ai titolari.

Nel primo caso, in località Marina di Chieuti è emersa l’occupazione abusiva, mediante l’installazione di molteplici attrezzature balenari, di una superficie di circa 400 mq (in più rispetto a quella autorizzata). Nella seconda attività, sempre in località Marina di Chieuti, la superficie abusivamente occupata è risultata pari a circa 320 mq mentre le attrezzature balneari pari a circa 70 tra lettini e ombrelloni.

Nell’attività esperita in località Torre Mileto, nel comune di San Nicandro Garganico, la superficie occupata abusivamente è risultata pari a 200 metri quadrati mentre tra ombrelloni e sdraio sono state poste sotto sequestro circa 50 attrezzature balneari.

In entrambi i casi i militari operanti, sentito il magistrato di turno, hanno proceduto al deferimento alla competente autorità giudiziaria dei responsabili e al sequestro preventivo d’urgenza di tutte le attrezzature abusivamente installate. Solo le ultime tre operazioni hanno permesso di restituire alla pubblica fruibilità circa 1.000 metri quadrati di demanio marittimo.

In località Riviera di Levante nel Comune di Rodi Garganico, i militari dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste, unitamente a quelli dell’Ufficio Locale Marittimo di Rodi Garganico, dopo un’attenta analisi della documentazione acquisita, hanno sequestrato un’area di circa 700 mq adibita a parcheggio a servizio di un vicino stabilimento balneare in quanto il gestore dell’area risultava sprovvisto di qualsivoglia titolo autorizzativo sotto i profili demanili marittimi.

Dall’inizio della stagione estiva in corso i militari degli Uffici marittimi ricadenti sotto la competenza territoriale del Compartimento di Manfredonia e presenti sulla costa garganica, nel corso delle diverse operazioni di polizia marittima portate a termine, hanno “liberato” circa 7.000 mq e sequestrato più di 300 attrezzature balneari tra lettini e sdraio abusivamente installate.

“Si ricorda a tutti gli utenti del mare – si legge in una nota inviata dalla Guardia Costiera – di consultare sempre le ordinanze di sicurezza emanate dalle locali Capitanerie di Porto e che la Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Manfredonia che opera 24h su 24h, 7 giorni su 7, e può essere contattata telefonicamente attraverso il “NUMERO BLU” 1530 per le sole emergenze in mare oppure al numero 0884/583871-2 (CP Manfredonia) e 0884/708791 (CP Vieste) per eventuali segnalazioni”.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come



In questo articolo:


Change privacy settings