Gioia ed emozione per i laureati post-Covid: alla San Domenico di Foggia tornano le sedute in presenza

Mascherine sul volto, proclamazioni scaglionate, sguardi densi di felicità: gli studenti di Mediazione Linguistica hanno discusso la tesi nella sede di via Rovelli

La gioia, l’emozione e la ricompensa dopo un percorso universitario lungo tre anni da vivere nuovamente in presenza. Lo scorso 17 luglio, l’istituto di grado universitario di Mediazione Linguistica “San Domenico” di Foggia ha riaperto le sue porte a 12 laureandi della sessione estiva che hanno potuto concludere il loro percorso di studi vivendo appieno il giorno della discussione della tesi e della proclamazione di laurea, lontano da webcam e pc.

Ingressi scaglionati a gruppi di tre candidati per volta, orari prestabiliti, mascherine, gel igienizzanti e pochi familiari ma pur sempre una giornata di festa, spiraglio di un primo ritorno alla normalità, dopo le restrizioni causate dall’emergenza sanitaria Covid-19.

“Non abbiamo voluto privare gli studenti dall’emozione della propria laurea e così nel pieno rispetto delle normative vigenti abbiamo organizzato le sedute di discussione e proclamazione in sede – ha evidenziato il direttore della SSML San Domenico Lorenzo Albano -. Nel periodo di lockdown le nostre attività non si sono mai fermate, lezioni e lauree si sono svolte online”, ha aggiunto. La San Domenico forma interpreti e traduttori in inglese, spagnolo, tedesco, francese, arabo, cinese, russo e in diversi ambiti: medico, moda, agroalimentare, politico, economico, forense, localizzazione dei videogames, ambiente e attualità.



In questo articolo:


Change privacy settings