Salvini a Bari, ma Fitto non c’è a presenziare accanto a Nuccio Altieri: salta il ticket. “La Lega sarà il primo partito in Puglia”

“Questa è la presentazione del progetto del partito, oggi si partiva con l’idea del rilancio della Puglia. Non l’abbiamo coinvolto, ma ci rivedremo e avremo modo di esserci insieme a Raffaele”

Le sorprese non finiscono mai nel centrodestra pugliese. Il candidato presidente Raffaele Fitto non si presenta alla conferenza stampa organizzata da Matteo Salvini che pure aveva annunciato due giorni fa al tavolo con la leader Giorgia Meloni. Avrebbe dovuto presenziare davanti al vero protagonista salviniano ossia Nuccio Altieri, sancendo così il famoso ticket. Ma ha preferito snobbare la Lega. Parlano i Salvini Boys: Rossano Sasso, Luigi D’Eramo e lo stesso Altieri davanti ad un Capitano in evidente imbarazzo. Si parla di una “battaglia di liberazione dai disastri che sono cominciati con Nichi Vendola”. Saremo “da Vieste a Santa Maria di Leuca”. “Avere 12 ore Matteo Salvini con noi, si diventa è più ricchi da quello che si ascolta dalla gente”. Tra campagna nazionale contro Lucia Azzolina e Giuseppe Conte, Salvini ha parlato della Puglia.

“Ci rivedremo da settembre in avanti, la differenza la Lega la fa dopo le elezioni. Impegni concreti per i prossimi 5 anni. Ogni anno ci sono migliaia di donne e uomini che devono pagarsi i viaggi della salute in altre regioni per curarsi: 300 milioni di euro è una tassa occulta. Ovunque i rifiuti sono una ricchezza, per i pugliesi sono una doppia tassa. Abbassare le tasse sulla sanità e sullo smaltimento rifiuti. Sull’agricoltura c’è un presidente del Consiglio pugliese e un Ministro pugliese, evidentemente non amano la Puglia. Grazie alla Lega dopo anni di divisioni, c’è una squadra unita e compatta. Ma se noi avessimo la nostra bandierina come primo partito abbiamo scelto di avere le doti della generosità e umiltà: si vince e Nuccio Altieri sarà il vicepresidente di questa regione. Ci aspettano 5 anni di duro lavoro, contiamo molto sulle amministrazioni locali, perché puntiamo ad amminitrazioni come Andria, Corato, Ceglie, ci saranno diversi ingressi in Lega di persone specchiate, è evidente che siamo motore e traino. In Puglia porteremo l’esempio della buona amministrazione della Lega, dal Veneto alla Lombardia. Ci sarà Luca Zaia per spiegare come si può fare: volere è potere. Vedo caos nel fronte opposto, con la battaglia tra Renzi e il Pd. Facciano quello che credono, il 20 settembre in Puglia si cambia. Questo è il nostro approccio, molto concreto”.

Come mai Fitto non è qui? “Questa è la presentazione del progetto Lega, oggi si partiva con l’idea del rilancio della Puglia. Non l’abbiamo coinvolto, ma ci rivedremo e avremo modo di esserci insieme a Raffaele”, ha risposto il Capitano al Corriere.

“Decidono i pugliesi in cabina elettorale, la nostra ambizione che la Lega si confermerà primo partito italiano e primo partito pugliese indicherà cosa fare”. “Se alla sinistra va bene finisce ribaltando con un 5 a 2, ma io punto al 7 a 0. La Lega è nata nelle piazze, nelle fabbriche e nei mercati, quando vivi tre mesi virtuali su Zoom, con Conte che ti rispuntava alle 3 di notte, se alla Lega togli la fiducia, la stretta di mano, togli tanto”.





Change privacy settings