Regionali 2020, da Fratelli d’Italia ai cassaniani, i dem attaccano: “Impossibile candidare Loris De Luca nelle civiche del centrosinistra”

Non ci stanno i dem a questo ennesimo trasformismo nelle fila di Massimo Cassano

Non ci sta il PD di Capitanata ad accettare supinamente l’ingresso dell’ex meloniano sannicandrese Loris De Luca nella civica dei cassaniani Popolari per Emiliano. De Luca si era fatto vedere a San Giovanni nella tenuta di Antonio Squarcella che ha ospitato il tour di Massimo Cassano e l’assessore Gianni Stea con Sergio Clemente e Gaetano Cusenza.

Ecco quanto scrivono i dem capitanati da Lia Azzarone

Il civismo è uno dei valori fondanti della coalizione di centrosinistra a sostegno di Michele Emiliano e non dove essere svilito da presenze politicamente incoerenti ed equivoche.

È la ragione per cui riteniamo improponibile la candidatura del presidente del Consiglio comunale di San Nicandro Garganico, Loris De Luca, di cui abbiamo letto nella giornata di ieri.
Fino alla settimana scorsa la stessa persona si esprimeva in nome e in rappresentanza di Fratelli d’Italia, partito con cui non abbiamo e non vogliamo avere nulla a che fare per ragioni evidenti a chiunque.
Pur comprendendo la logica delle dinamiche elettorali e condividendo la necessità di al-largare il perimetro del centrosinistra, ci è impossibile tacere rispetto al rischio di ritrovarci nello stesso campo di amministratori locali che i nostri rappresentanti istituzionali avversano e che i nostri militanti e i nostri elettori non stimano.
Il civismo, lo ribadiamo, è un’esperienza importante e da valorizzare ulteriormente con il coinvolgimento di personalità che, per storia e azione, incarnino i valori e i programmi del centrosinistra guidato da Michele Emiliano. E non v’è altrettanto dubbio che alcune candidature ipotizzate dalla stampa sono incoerenti rispetto a questi valori.
Proprio il presidente Emiliano è stato il promotore del fecondo dialogo tra partiti e orga-nizzazioni civiche ed è a lui che rimettiamo le nostre valutazioni, espresse con lealtà e con l’intento di promuovere una larga vittoria elettorale.



In questo articolo: