Assegnate le “Bandiere Blu” del 2020, nel Foggiano riconoscimenti a Peschici e Zapponeta. In Puglia sono tredici le località premiate

Il podio delle regioni italiane con più spiagge premiate spetta a Liguria (30), Toscana (19) e Campania (18). Si tratta di uno dei più importanti riconoscimenti per i luoghi di balneazione

Assegnate le bandiere blu del 2020. 13 in Puglia, provincia di Foggia presente con Peschici e “Zapponeta Lido”. Per la cittadina garganica premiate Sfinale, Gusmay, Baia di Calalunga, Baia di Manaccora, Baia San Nicola, Procinisco, Baia di Peschici.

Nel resto della Puglia, in provincia di Bari riconoscimento a Polignano a Mare (Cala Paura, San Vito, Cala San Giovanni, Ripagnola/Coco Village, Cala Fetente). Per la Bat c’è Margherita di Savoia (Centro Urbano/Cannafesca). In provincia di Brindisi, Carovigno (Mezzaluna, Pantanagianni, Punta Penna Grossa/Torre Guaceto), Ostuni (Creta Rossa, Lido Fontanelle, Pilone, Lido Morelli) e Fasano (Egnazia Case Bianche, Savelletri, Torre Canne).

Nel Leccese c’è Castro (La sorgente, Zinzulusa), Otranto (Alimini/Baia dei Turchi/Santo Stefano, Castellana/Porto Craulo, Madonna dell’Altomare/Idro, Porto Badisco) e Salve (Torre Pali/ Marina di Pescoluse/Posto Vecchio). Infine, in provincia di Taranto premiate Ginosa (Marina di Ginosa), Castellaneta (Riva dei Tessali/Pineta Giovinazzi/Castellaneta Marina/Bosco della Marina) e Maruggio (Commenda, Campomarino, Acqua Dolce).

I criteri

Ogni anno la FEE (Foundation for Environmental Education) stila un elenco di spiagge Bandiera Blu, che vengono insignite dell’ambito premio che determina la qualità di una spiaggia in funzione di pulizia delle acque e efficienza dei servizi.
Nel 2020 le spiagge Bandiera Blu in Italia sono 385. Il podio delle regioni italiane con più spiagge premiate spetta a Liguria (30), Toscana (19) e Campania (18).

Si tratta di uno dei più importanti riconoscimenti per spiagge e luoghi di balneazione. Ma come vengono valutati? Non è affatto facile ottenere la bandiera blu. Per farlo bisogna avere dei requisiti previsti da programma.
In generale, possiamo dire che esistono due tipi di requisiti: quelli imperativi e quelli guida.
Quelli imperativi devono essere tutti rispettati. Per quelli guida, più ce ne sono, più è probabile ottenere il riconoscimento.
I requisiti riguardano le seguenti 4 aree tematiche: Educazione ambientale e informazione: ad esempio, devono essere affisse informazioni sulla qualità delle acque, sugli ecosistemi locali, un codice di condotta; Qualità delle acque: ad esempio, la spiaggia deve rispettare pienamente i requisiti di campionamento e di analisi delle acque di balneazione, deve essere conforme alle direttive sul trattamento delle acque reflue; Gestione ambientale: ad esempio, la spiaggia deve essere pulita, devono esserci cestini per la differenziata, servizi igienici e spogliatoi; Servizi e sicurezza: ad esempio, deve esserci un numero adeguato di guardaspiaggia, equipaggiamento per il primo soccorso.