Non rispettano le prescrizioni, denunciati diversi pregiudicati a Foggia. Donna ai domiciliari beccata in giro col cane

Fioccano le denunce alla Procura della Repubblica di Foggia nei confronti di diversi pregiudicati che contravvengono le prescrizioni a cui sono sottoposti per effetto di provvedimenti giudiziari limitativi della libertà personale. Nelle maglie dei controlli della Polizia di Stato finiscono persone sottoposte alla detenzione domiciliare, sorvegliati speciali di pubblica sicurezza, liberi vigilati e persone sottoposte all’affidamento in prova ai servizi sociali. Si tratta, cioè, di persone che per effetto di un provvedimento giudiziario sono state ammesse ad una misura alternativa alla detenzione carceraria ovvero sono state sottoposte ad una misura di sicurezza o ad una misura di prevenzione personale.

Tra di esse una donna che, sebbene fosse in regime di detenzione domiciliare, la scorsa settimana è stata sorpresa fuori dalla propria abitazione da un equipaggio della Squadra Volante. La donna è stata trovata riversa a terra, sulla pubblica via, ed ha riferito di essere inciampata mentre era intenta a rincorrere il proprio cane. L’equipaggio ha provveduto a fare intervenire sul posto un’ambulanza del 118 che ha prestato soccorso alla donna praticando le cure sanitarie necessarie. Successivamente, la donna è stata riaccompagnata presso la propria abitazione e sottoposta nuovamente ai vincoli della detenzione domiciliare con divieto di ospitare, frequentare e comunicare con persone diverse dai propri familiari conviventi.

Altri quattro pregiudicati, sottoposti agli arresti domiciliari, non sono stati trovati nelle rispettive abitazioni site in corso del Mezzogiorno, in via Acquaviva, in via Balestrucci e in via Manzoni. Per ciascuno di essi è scattata una denuncia alla procura per il reato di evasione. Rischiano la perdita del beneficio della detenzione alternativa e, conseguentemente, di essere condotti in carcere nonché un’ulteriore condanna.

Infine, un’altra infrazione è stata accertata a carico di un uomo che beneficia della misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali. Costui, nel corso di un controllo stradale, è stato trovato da un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Centrale” di Bari a bordo di un’autovettura in compagnia di un altro pluripregiudicato. La sua posizione adesso è al vaglio del Tribunale di Sorveglianza che potrà inasprire le prescrizioni a cui è sottoposto o revocare la misura.





Change privacy settings