Aggredisce a bastonate il padre, tensione a San Giovanni Rotondo. Armi sequestrate e giovane in manette

Intervento dei carabinieri grazie alla segnalazione della vittima

I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno arrestato M.L., 28enne del posto per maltrattamenti in famiglia, percosse e minacce.
Nelle prime ore del mattino, è giunta una telefonata al 112 da parte del padre dell’arrestato, il quale, in forte stato di agitazione, aveva chiesto l’immediato intervento di una pattuglia presso la sua abitazione poiché stava subendo minacce e percosse dal figlio.

L’intervento dei militari ha riportato tranquillità in quell’abitazione, messa a repentaglio dall’atteggiamento del giovane arrestato, il quale con non poche difficoltà, in stretto giro di tempo, è stato immobilizzato. Costui all’atto dell’intervento dei militari aveva cercato di disfarsi di un coltello a serramanico che teneva in tasca, prontamente recuperato da uno dei militari intervenuti. Il padre, alla presenza dei carabinieri ha riferito di essere stato colpito più volte dal figlio con un bastone, rinvenuto e sottoposto a sequestro insieme al coltello ed un’accetta con cui il giovane aveva minacciato il genitore.

Queste sue dichiarazioni sono state formalizzate in denuncia nella quale sono stati specificati altri atti vessatori cui era stato sottoposto nel tempo da parte del figlio. All’interno dell’abitazione sono emersi segni evidenti dell’azione violenta posta in essere dall’arrestato; trovate alcune sedie ribaltate.
L’intervento dei militari ha scongiurato l’accadimento di fatti peggiori da definire tragici, procedendo all’arresto del giovane, il quale dopo le formalità di rito è stato condotto nel carcere di Foggia. L’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto e ne ha disposto la custodia in carcere.





Change privacy settings