Coronavirus, calo dell’80% in negozi di Foggia. Marisa Huang Cheng di Via San Severo. “La gente ha paura, ma non vado in Cina da 5 anni”

È da anni un’istituzione nella zona ma la psicosi la sta fortemente danneggiando. Molto estroversa e chiacchierona, la commerciante ha raccontato la crisi economica scaturita dall’epidemia

Il negozio d’abbigliamento “Marisa Huang Cheng” in via San Severo a Foggia è da anni una istituzione nella zona. La titolare cinese, originaria di Shangai, è una asiatica anomala. Molto estroversa, chiacchierona, simpaticissima.

Eppure il Coronavirus ha depresso anche un animo come il suo. “Entrano poche persone in negozio, hanno paura. Se prima entravano 10 persone ora ne vengono meno di 2. Va male, è tutto vuoto”. Ha perso nelle ultime settimane l’80% dei clienti. Neppure gli amici del quartiere vengono più. “Hanno paura anche quando mi incontrano. Ma io l’ho detto a molti: è da 5 anni che non vado in Cina. Ormai ho solo mia sorella, mamma e papà sono morti”, dice a l’Immediato Marisa, dal nome italianizzato.

“Io mi chiamo Iuciué, così si pronuncia, ma quando arrivai a Napoli mi dissero subito che il mio nome era troppo difficile e ho scelto Marisa. A Napoli non mi trovavo bene, qui è tranquillo, ormai ci siamo abituati. Ho 2 figli. Ho 51 anni, il primo è nato in Cina ed ha 30 anni, il secondo sempre in Cina me lo fecero perdere all’ottavo mese. Non si poteva avere il secondo figlio. È nata qui un’altra bambina, in Italia. Compie 18 anni il prossimo 21 febbraio. Mi spiace che le persone sentono la paura, ma noi non andiamo in Cina da tanti anni”.





Change privacy settings