“Solo Mia”, le storie vere di donne in un incontro con l’associazione Panunzio di Foggia. “Violenza di genere è tema purtroppo sempre attuale”

Appuntamento giovedì 6 febbraio, nella sede di via Scillitani, con il presidente Dimitri Lioi, l’autrice Annalisa Graziano e il direttore dell’Ulepe, Mirella Malcangi

Un pomeriggio per parlare di violenza sulle donne e prevenzione, di esecuzione penale e volontariato. Giovedì 6 febbraio, a partire dalle 18.30, presso la sede dell’associazione Giovanni Panunzio – Eguaglianza Legalità Diritti, in via L. Scillitani 2 a Foggia, si terrà la presentazione del libro “Solo Mia. Storie vere di donne”, edizione la Meridiana, con l’autrice Annalisa Graziano. 

Oltre alla giornalista e operatrice del CSV Foggia, interverranno Pina Mirella Enza Malcangi, direttore dell’ULEPE di Foggia, l’Ufficio locale di esecuzione Penale Esterna e Dimitri Lioi, presidente dell’associazione.  

“Solo Mia” raccoglie storie di donne dal carcere e non, racconti reali riportati all’interno di una cornice di fantasia che mettono al centro storie incredibili, fatte di violenza subita e a volte taciuta, attese tradite, affetti soffocati e speranze. Storie di dolore ma anche di svolte e di rinascita, che affrontano temi delicati come la maternità, il rapporto con i familiari, la detenzione, l’abuso: a trionfare, però, è l’importanza dei legami, del riconnettersi alla società e alle relazioni, nonostante i traumi vissuti.

“Il tema – spiegano gli organizzatori – è, purtroppo, sempre attuale.  Il procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi nella sua relazione all’anno giudiziario, pochi giorni fa, ha parlato di dati preoccupanti. 

“Le donne uccise – ha detto – sono state 131 nel 2017, 135 nel 2018 e 103 nel 2019. Aumenta di conseguenza il dato percentuale, rispetto agli omicidi in danno di uomini, in maniera davvero impressionante; le violenze in danno di donne e di minori diminuiscono in numero, ma restano una emergenza nazionale”. 

L’ultimo Rapporto Eures su “Femminicidio e violenza di genere” ha messo in evidenza come quello familiare sia l’ambiente dove viene commessa la maggior parte di questi reati. Tra le mura domestiche, o comunque per mano di partner, mariti e fidanzati, vengono commessi oltre l’85% dei delitti con vittime femminili. La coppia si conferma come un “luogo” ad alto rischio.

Di tutto questo parlano le pagine dell’ultimo libro di Annalisa Graziano che, già nel titolo, racconta un mondo fatto di violenze e rinascita. “Solo Mia” è, infatti, la frase pronunciata dagli uomini accecati da un sentimento di gelosia insana nei confronti delle proprie partner o ex partner, così come può rappresentare la volontà di riprendere in mano la propria vita da parte delle vittime.





Change privacy settings