Turismo straniero: trionfa la Romagna mentre la Puglia arranca. C’è Vieste ma solo al 35esimo posto

Il rapporto ha analizzato 135mila recensioni in lingua inglese postate sul sito di TripAdvisor per hotel, ristoranti e attrazioni delle 35 maggiori destinazioni turistiche italiane nel periodo tra gennaio e novembre 2019

Secondo il Rapporto di Sociometrica che ha analizzato 135mila recensioni in lingua inglese postate sul sito di TripAdvisor per hotel, ristoranti e attrazioni delle 35 maggiori destinazioni turistiche italiane nel periodo tra gennaio e novembre 2019, la Romagna con ben 5 destinazioni (Riccione, Bellaria, Ravenna, Rimini e Cesenatico) è la regione più apprezzata dagli stranieri. Fra le città d’arte, Firenze arriva al quinto posto, ed è seguita ex-aequo da Torino, Milano, Bologna, Verona e Venezia. Le destinazioni più apprezzate del sud sono Sorrento e Ischia, entrambe nelle prime dieci posizioni. Nessun accenno alla Puglia: soltanto al 35° posto c’è Vieste, da sempre considerata la capitale puglie­se del turismo internazionale.

Secondo i visitatori stranieri l’elemento dell’offerta turistica italiana che riserva le migliori emozioni è il cibo: al primo posto ci sono i ristoranti e al terzo i bar, si seguiti dallo shopping e le spiagge. Bene anche alta velocità, alberghi e aeroporti, ma il resto della logistica presenta vari aspetti critici. La condizione delle strade è quella ritenuta più critica, così come il complessivo servizio dei taxi. Per quanto riguarda i ristoranti vince Roma seguita da Firenze, Sorrento e Milano. Subito dopo Napoli e Bologna. Sui bar vince Venezia, Roma, Milano e Napoli. Per lo shopping nettamente in testa Milano.

Non menzionate Lecce, Gallipo­li, Polignano a Mare e le Isole Tremiti. “Eppu­re la Puglia da anni, ormai, è diventata una delle mete pre­ferite per il turismo di massa. Solo nel mese di agosto 2019, la Puglia ha ospitato 14 milioni di turisti che hanno generato 4452 milioni di presenze (il 56% in hotel e il 44% in strutture extralberghiere)”, si legge sull’edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno.



In questo articolo:


Change privacy settings