“Assunzioni last minute e licenziamenti”, accuse alle associazioni di volontariato 118 del Foggiano

Assunzioni all’ultimo minuto e licenziamenti. Sono queste le accuse mosse dai sindacati ad alcune associazioni di volontariato contrattualizzate dall’Asl di Foggia.

“Come purtroppo avevamo anticipato – spiegano dall’Usb – alcune associazioni sono passate ai fatti: chi fa assunzioni (in vista di una possibile internalizzazione) part time (60 ore mensili) e chi licenza lavoratori per il solo fatto di aver rivendicato il pagamento degli stipendi. Come abbiamo detto nella nostra precedente nota, la delibera va ritirata e modificata proprio per non dare modo alle associazioni di fare una macelleria sociale in vista della possibile internalizzazione. Richiesta che viene legittimata, tra l’altro, se non si spiega per bene che la regione ha già deciso il futuro del 118 con la pubblicazione sul Burp della delibera che riguarda le Linee Guida delle società in house ( Sanitaservice)”.

“È paradossale poi che il direttore generale convochi le organizzazioni sindacali per il giorno 8 gennaio  sul futuro del servizio 118) e si dimentichi di convocare la USB – conclude Santo Mangia -. Ricordiamo infatti che questa convocazione non è finalizzata a temi contrattuali ( dove USB non partecipa) ma a temi di carattere generale per cui devono essere convocate tutti i sindacati. Pertanto, ribadiamo lo stato di agitazione di tutto il personale del servizio 118 gestito dalle associazioni”.





Change privacy settings