Pericolosa fuga sulla Statale 16 a bordo di un’auto rubata, malvivente fermato a Foggia

Nel pomeriggio di ieri, agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Bari e del Distaccamento Polizia Stradale di San Severo, hanno proceduto all’arresto di un pregiudicato di Bitonto di anni 40, per i reati di ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Una pattuglia del compartimento di Bari, nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dei reati predatori lungo l’arteria stradale S.S. 16, in territorio extraurbano del Comune di San Ferdinando di Puglia, verso le 15 nei pressi di un’area di servizio, notava sopraggiungere a forte velocità sulla corsia di sorpasso, un’autovettura Opel Mokka seguita a breve distanza da una Audi A6 sw.

Gli operatori decidevano di procedere ad un controllo dei veicoli iniziando una manovra di rapido avvicinamento e mentre l’Audi si  allontanava repentinamente in direzione Nord, provvedevano ad interrogare al terminale la targa della Opel. Dall’accertamento il veicolo risultava rubato la sera precedente nel centro cittadino di Mola di Bari.

Ne scaturiva un inseguimento e vista l’elevatissima velocità mantenuta dal veicolo, veniva allertata la sala operativa regionale ed attivati contestualmente i dispositivi sonori, non disgiunti dall’utilizzo della paletta d’ordinanza. L’auto alternava brusche frenate a repentine accelerate effettuando rapidissimi cambi di corsia finalizzati a far perdere le proprie tracce compiendo ripetuti sorpassi a destra.

Così per circa 40 chilometri, fino alla zona industriale di Foggia, dove una pattuglia del Distaccamento di San Severo, interessata anch’essa all’inseguimento, riusciva ad ostruire parte della carreggiata e costringere il conducente del veicolo inseguito a fermarsi sul margine destro della strada.

Il conducente del veicolo ha cercato di darsi alla fuga a piedi ma è stato bloccato e tratto in arresto dagli operanti e condotto presso gli Uffici della Polizia Stradale di Foggia. Il conducente del veicolo rubato con numerosi precedenti specifici, dopo essere stato sottoposto ai rilievi foto dattiloscopici presso il Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica della Questura di Foggia, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.





Change privacy settings