Caso Bruno Longo nella maggioranza, il “bomber” verso la presentazione in Fratelli d’Italia. Berlusconiani traditi

Il partito dei forzisti si sente tradito dal campione di consensi che ha intascato l’assessorato per il genero Claudio Amorese ed ora è pronto a trasferire il suo bottino elettorale in FdI

È guerra guerreggiata tra Forza Italia e Bruno Longo. Il sindaco di Foggia Franco Landella per ora è nel mezzo.
Il partito dei berlusconiani si sente tradito dal campione di consensi che ha intascato l’assessorato per il genero Claudio Amorese ed ora è pronto a trasferire il suo bottino elettorale in Fratelli d’Italia. Ma la scelta spiega Longo è nazionale e ideale. “Storace è già dentro e dirige il Secolo d’Italia on line, il 7 dicembre entreranno nel partito di Giorgia Meloni anche Gianni Alemanno e Isabella Rauti, la grande famiglia degli ex An si riunirà. È un mondo di destra che ritorna”, spiega senza mezzi termini a l’Immediato.

“Ho già la tessera dei Fratelli d’Italia”, aggiunge. Potrebbe esserci presto una conferenza stampa per presentare il bomber o una dichiarazione ufficiale d’ingresso nel gruppo nel prossimo consiglio comunale fissato per il 28 novembre. Ma fino ad allora Forza Italia non starà a guardare e chiederà la testa di Claudio Amorese.
“Sarà lo stesso D’Attis ad intervenire”, assicurano gli azzurri che non ci stanno a perdere una casella in aula e a non vedere scattare neppure la prima degli eletti, Sonia Ruscillo.
Dall’altro lato, secondo rumors, Longo si è sentito maltrattato dal gruppo azzurro. “Si incontravano al bar e non mi hanno mai invitato alle riunioni”, ha riferito agli amici. Ma da ambienti a lui vicini emerge anche la possibilità che il leader resti nel partito se gli saranno assicurate  e uuna candidatura  alle regionali e un assessorato con deleghe piene per il suo uomo in Giunta. Ad essere ambita in questo momento è la delega dell’edilizia scolastica.